Paradisi: vittoria della minoranza, anche la bandiera del Tibet esposta in Comune

roberto paradisi 2' di lettura Senigallia 11/07/2009 - \"Il Comune di Senigallia dovrà esporre, nei prossimi giorni, anche la bandiera tibetana (oltre a un drappo verde di solidarietà ai ragazzi iraniani) per testimoniare la condanna della repressione sempre più cruda del governo comunista cinese\".

Unico voto contrario, in consiglio comunale, è stato espresso dall’Italia dei Valori, contraria alla solidarietà al popolo tibetano. Il gesto simbolico del Comune di Senigallia è stato reso possibile grazie all’emendamento presentato dal sottoscritto insieme ai consiglieri di opposizione Daniele Corinaldesi e Vincenzo Savini all’ordine del giorno del capogruppo del Pd Schiavoni il quale aveva pensato bene di esprimersi solo sulla questione iraniana. Schiavoni, creando imbarazzo persino in alcuni consiglieri di maggioranza, si era detto assolutamente contrario ad inserire nell’ordine del giorno l’emendamento della minoranza.



Alla conta dei voti però qualcosa non ha funzionato con due esponenti della stessa maggioranza (Marcellini e Berardinelli) che hanno votato insieme all’opposizione e contro il diktat del capogruppo. Alla fine, tutto il consiglio comunale (tranne il consigliere Monachesi al quale, evidentemente, non hanno ancora spiegato la linea del suo partito e non hanno spiegato che non si tratta di un rifugio per nostalgici del comunismo reale) è stato costretto a votare l’ordine del giorno così come emendato dalla minoranza.



Con un siparietto finale che poteva essere evitato: la reprimenda pubblica e imbarazzante del capogruppo Stefano Schiavoni (al quale, evidentemente, il Tibet non sta a cuore) che ha additato i due “franchi tiratori” rimproverandoli energicamente e goffamente di aver votato rispondendo alla loro coscienza e non agli ordini di scuderia. Una piccola ma significativa vittoria della minoranza che ha sconfitto, per una volta, l’ideologismo ottuso di alcuni settori del centro-sinistra (persino il consigliere di Rifondazione Mancini, onestamente e intelligentemente, ha votato l’ordine del giorno emendato).


da Roberto Paradisi
Coordinamento Civico




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2009 alle 15:43 sul giornale del 11 luglio 2009 - 6154 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica, coordinamento civico





logoEV
logoEV