x

Senigallia tra le mete \'social\' più cool dell\'estate 2009

rotonda 3' di lettura Senigallia 28/06/2009 - Ad insignire la spiaggia di velluto di uno dei massimi riconoscimenti in fatto di novità e tendenze è una delle più autorevoli voci di costume e società.

Si tratta del mensile Glamour apostrofa Senigallia come “capitale del divertimento della costa marchigiana”. Ma non solo. Oltre al elogiare i “beach bar, i ristoranti stellati e i party sulla spiaggia”, la rivista suggerisce anche di non perdere la “kermesse dedicata al rock and roll e alla cultura dell’America degli anni ’40 e ’50, che fa imperversare in città feste a ritmo di swing, rhytm&blues e rockabilly”. Il riferimento è ovviamente al Summer Jamboree. Ancora una citazione che conferma la spiaggia di velluto al centro dell’attenzione dei media interessati al turismo (ieri per la consegna delle Bandiere Blu le trasmissioni Rai Linea Blu e Costume e Società hanno realizzato altri reportage dedicati alla città).



E così Senigallia si prende la sua rivincita sui recenti “episodi” che hanno cercato di offuscare la credibilità turistica della spiaggia di velluto. Ovvero, il blitz di aprile di Striscia La Notizia sugli affitti estivi ingannevoli e la querelle tra Caterpillar e il comitato Versus Complanare ha fatto irruzione durante l’ultima diretta del Caterraduno per protestare contro la realizzazione della nuova arteria stradale. “La sinergia tra il pubblico e il privato è la vera forza che impone la nostra città come nuova meta del turismo –afferma l’assessore al turismo Gennaro Campanile- Senigallia ormai fa tendenza. Si parla di noi ovunque, altro che la riviera Romagnola. I turisti si sono stancati di un target basato su discoteche e ritmi sfrenati. I viaggiatori, sempre più esigenti, scelgono un turismo basato sulla qualità dell’accoglienza, dell’offerta e dello stile di vita, proprio quello che da anni stiamo promuovendo e i cui frutti stiamo raccogliendo ora”.



D’inverno il Comune batte a tappeto fiere e borse internazionali e d’estate arrivano i turisti, anche stranieri. Tedeschi, inglesi e anche scandinavi stanno tornando non a caso a Senigallia. “Stiamo vivendo un momento magico –aggiunge Campanile- la città è piena, ogni giorno c’è qualcosa da fare e spesso gli appuntamenti si accavallano. Noi abbiamo agito su tra fattori, l’accoglienza, la promozione e gli eventi di qualità. Abbiamo riqualificato il centro storico, riaperto la Rotonda che è diventato il simbolo di Senigallia. Anche le infrastrutture quali la complanare e il piano del porto contribuiranno a migliorare la città. Tra qualche anno avremo tre nuovi poli turistici, l’ex Sacelit, con un centro congressi per un nuovo brand, la riqualificazione delle ex colonie Enel con un polo turistico-residenziale, e il progetto eco-gate, con la delocalizzazione dei campeggi in un’area tutta ecosostenibile e realizzazione di un parco litoraneo”.



Contro chi cerca di “appannare” l’immagine della città, Campanile non usa mezzi termini. “Il riscontro di immagine che stiamo avendo è la risposta a chi vuole remare contro –dice l’assessore al turismo- la scelta che la città ha fatto è quella di puntare sul turismo, il settore è il volano economico della nostra economia. Anche gli operatori si stanno al passo e lo si vede da una città dove bar all’aperto in centro, ristoranti e locali sul lungomare sono sempre pieni”.






Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2009 alle 23:00 sul giornale del 29 giugno 2009 - 4875 letture

In questo articolo si parla di attualità, rotonda, giulia mancinelli





logoEV
logoEV
logoEV