Ostra Vetere: il prefetto D\'Onofrio prende parte ad un vertice sulla sicurezza

bello e d\'onofrio 3' di lettura 27/06/2009 - Il Prefetto di Ancona Giovanni D’Onofrio prenderà parte ad un vertice sulla sicurezza, che si terrà ad Ostra Vetere.

Giovedì prossimo, 2 luglio, il Prefetto di Ancona Giovanni D’Onofrio prenderà parte ad un vertice sulla sicurezza, che si terrà ad Ostra Vetere, in cui la società SIC1 e l’Amministrazione comunale attiveranno ufficialmente il Servizio di Videosorveglianza con telecamere nell’ambito del Progetto “A9. Città Sicura” per la gestione associata e coordinata delle politiche integrate della sicurezza.



Sarà una giornata importante e significativa perchè Ostra Vetere inaugura il suo “sistema di sicurezza urbana” ed il suo “pacchetto sicurezza” con un Convegno di presentazione del progetto a partire dalle ore 10 nella sala multimediale del Palazzo De Pocciantibus alla presenza del Sindaco Massimo Bello, dell’Assessore all’innovazione tecnologica Giordano Rotatori, del Responsabile comunale del Progetto Agente Polizia Municipale Mauro Sebastianelli, del Direttore della Società Sic1 Stefano Ricci, del Senatore Filippo Salmartini della Commissione Parlamentare “Affari Costituzionali ed Affari Interni”, che è anche Sindaco di Cingoli, e dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine; subito dopo, con l’attivazione del sistema di videosorveglianza presso la centrale operativa della Polizia Municipale di Ostra Vetere. Si tratta di un progetto importante voluto fortemente dal Sindaco di Ostra Vetere Massimo Bello ed a cui il Comune ha aderito insieme ad altri nove Comuni pilota (gli altri sono: Chiaravalle, Camerata Picena, Agugliano, Santa Maria Nuova, Monte San Vito, Polverigi, Castelfidardo) della provincia di Ancona.



Il progetto consiste in un sistema efficace di controllo e di sorveglianza su aree comprensoriali in grado di garantire l’ordine e la sicurezza pubblica. Il Progetto “A9. Città Sicura”, di cui per ora Ostra Vetere è l’unico Comune della Valle del Misa e del Nevola ad averlo attivato, prevede l’utilizzo di tecnologie avanzate di analisi e di monitoraggio del territorio, con possibilità di gestione del sistema insieme alle forze dell’ordine e di integrazione del sistema con quelli già in uso presso le aziende private ed i singoli cittadini. “Il sistema – come evidenzia il Sindaco Massimo Bello – non vuole sostituirsi alle forze dell’ordine quanto piuttosto fornire un valido contributo all’ efficienza e all’efficacia dei controlli e dell’attività investigativa”. Infatti, le potenti telecamere permetterebbero una più agevole identificazione dei colpevoli e dei trasgressori, offrendo una qualità di immagine pari a quelle delle moderne macchine digitali. E, soprattutto, le telecamere, affiancate ad altri dispositivi sia hardware che software, creano un sistema integrato capace di dirigere l’attività delle forze dell’ordine non più nel luogo dove è avvenuto il fatto, ma anche nella via di fuga di chi viola la legge.



Il Progetto “A9. Città Sicura” è finalizzato ad offrire ai Comuni un valido strumento tecnologico avanzato sotto il profilo degli apparati di videosorveglianza e di registrazione delle immagini, anche nottetempo, nell’ ottica del più efficace contrasto all’attività delittuosa. Il Progetto presentato dall’Amministrazione comunale di Ostra Vetere prevede, infatti, un sistema di controllo capillare del territorio attraverso apparati collegati tra di loro, ed è in grado di raccogliere informazioni ed elaborarle in tempo reale per rilevare furti, rapine, atti vandalici e violazione al Codice della Strada, e conseguentemente gestire al meglio l’attività post delittuosa da parte delle competenti Autorità. “Il Progetto, quindi, consente – aggiunge il Sindaco di Ostra Vetere – di monitorare il territorio e di garantire la massima sicurezza delle zone coinvolte, creando una stretta cintura di Comuni che lavorano fianco a fianco a favore delle rispettive Comunità, insieme naturalmente alle Forze dell’Ordine.



Anche nell’ambito di una serie di riunioni del Comitato provinciale per l’ ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto di Ancona è stata sottolineata l’importanza del progetto quale concreto ausilio per un intervento efficace in tempi brevissimi dall’accadimento. Insomma, un progetto pilota unico in Italia, attraverso il quale abbiamo partecipato anche ad alcuni bandi regionali, nazionali ed europei per ottenere risorse e co-finanziare il progetto stesso. Ostra Vetere, infine, è stato uno dei primi Comuni marchigiani a sottoscrivere il Contratto di Sicurezza con la Prefettura, dimostrando sensibilità e consapevolezza verso i temi dell’ordine pubblico e della sicurezza urbana a tal punto che nel programma di governo della Giunta sono previsti obiettivi e priorità.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-06-2009 alle 18:17 sul giornale del 27 giugno 2009 - 1871 letture

In questo articolo si parla di attualità, ostra vetere, comune di ostra vetere, bello e d\'onofrio





logoEV