Montesi: Senigallia democratica dia una risposta

2' di lettura Senigallia 15/06/2009 - Finale tristissimo per il CaterRaduno 2009 ieri a Senigallia.
Non perché qualcuno protestasse per le sue ragioni (per inciso io ero tra quelli che hanno girato per la piazza denunciando silenziosamente la legge liberticida sulle intercettazioni telefoniche e la censura sulla stampa) ma per il modo, il contesto e le dinamiche con cui si è protestato.

Le urla di pochi, alcune unità, hanno rovinato la festa, sì la festa, degli altri, di tutti gli altri. Manifestare il proprio dissenso non significa intralciare il lavoro altrui. E la trasmissione, i conduttori, l’organizzazione ed il pubblico del caterRaduno meritano rispetto.

Ho vissuto un senso di disagio profondo e mi dispiace per i ragazzi del Mezza Canaja con cui ho condiviso le battaglie in difesa della scuola pubblica, e che spesso ho stimato per la capacità di iniziativa sociale. Certo un dissenso così radicale ha ragioni in una certa ottusità dell’Amministrazione comunale. Credo che sulla complanare bisogna avere la pazienza e la volontà di recuperare uno strappo con un pezzo di città.

Personalmente non ritengo, quei sette chilometri di strada a due corsie, né un mostro di devastazione ambientale né la panacea di tutti i problemi di traffico della nostra città. Credo che prevedere sei uscite su sette chilometri sia assolutamente inutile, in particolare tra il casello A14 e Via Belardinelli, quattro uscite sono sicuramente eccessive oltre che impattanti. Sicuramente si può togliere l’uscita su Via Po e anche quella sulla Strada del Camposanto vecchio. Inoltre, naturalmente, bisogna attivare tutte le mitigazioni ambientali possibili.

C’è poi la partita tristissima degli espropri: le famiglie interessate costrette ad affidarsi a studi tecnici e legali ( il buon sciacallo) per far valere il proprio diritto ad un giusto indennizzo.

Chiedo pertanto alla amministrazione comunale, se vuole contribuire ad una giusta soluzione della vicenda di farsi promotrice di due forti azioni:

1) Intervenire con il proprio peso ed il proprio potere, nella partita degli espropri per tutelare i suoi cittadini, quelli più colpiti da ampliamento e complanare, affinché siano riconosciuti prezzi equi.

2) Indire un referendum consultivo cittadino a settembre sulla complanare per sgomberare il campo da polemiche che, in periodo pre-elettorale, non possono che avere una accentuazione ed una valenza elettoralistica.

La forte tradizione democratica di Senigallia merita aperture e partecipazione e non la mortificazione cui abbiamo assistito ieri.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-06-2009 alle 23:44 sul giornale del 15 giugno 2009 - 4562 letture

In questo articolo si parla di complanare, luciano montesi, politica, caterraduno, comitato versus complanare... e non solo!


Hai ragione Luciano, non è giusto rovinare la festa di tutti per le urla di pochi.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

per un posto in giunta

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Spesso mi sono trovato, anche se non in perfetto accordo, in sintonia con le azioni del MC e ne ho aspprezzato la serietà con cui hanno portato avanti alcune battaglie.<br />
Ma stavolta proprio no.<br />
A parte il modo : non far parlare gli altri è un modo fascista, potete dipingervi come volete, ma domenica in piazza non eravate dissimili da un manipolo di fascisti.<br />
In quanto al movimento Versus complanare, credo che stiano commettendo un grave errore a non prendere ufficialmente le distanze da questo modo di comportarsi che credo sia più dannoso , per loro, e che rischia di dare in mano il loro problema a movimenti che lo usano solo a scopo politico e che tutto sommato del problema in sè non gliene importa proprio nulla.<br />
Conosco molte persone che fanno parte del comitato e ,conoscendole, credo che in molti non siano in accordo con questi comportamenti.<br />
Concordo con l\'appello di Luciano a che l\'amministrazione si adoperi per tutelare al massimo i cittadini espropriati ( cosa che per altro sta già facendo), ma non mi meraviglierei e non biasimerei nessuno se a questo punto si tirasse indietro.

protesta democratica

Commento sconsigliato, leggilo comunque

desaguadero

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Se iniziamo a dividerci tra noi che abbiamo più o meno le stesse idee è la fine......

Ricordo solamente per memoria storica, e spero che qualcuno con ricordi più lucidi dei miei, dia una testimonianza più precisa.<br />
Mi pare che anni fa quando iniziarono a costruire in quelle zone ( credo una si chiamasse lottizzazione Turchi?) c\'erano i soliti ambientalisti che protestavano, contrari a quelle lottizzazioni.<br />
Mi pare anche che furono presi a male parole, anche dai cittadini che ci sarebbero andati ad abitare , perchè erano i soliti rompico..ni che si opponevano allo sviluppo della città e che protestavano solo per il gusto di protestare.<br />
Certamente oggi è difficile discutere con chi soffre sulla propria pelle le conseguenze di quest\'opera.<br />
Ma credo che le scelte tattiche del comitato, culminate col bello spettacolo di domenica, anche se gli hanno dato una qualche visibilità, l\'abbiano altresì screditato agli occhi della gran parte dei cittadini.<br />
Se il vostro obiettivo era quello di isolarvi rispetto al resto della città, ci siete riusciti.<br />
Credo che da oggi farvi ascoltare dai senigalliesi sia molto più difficile di ieri.

Ai saluti del Caterraduno c\'ero anch\'io...<br />
dispiaciuta e arrabbiata per un finale che ha rovinato un anno di lavoro compiuto da tutti i lavoratori e collaboratori della manifestazione e che ha cancellato con un colpo di spugna l\'atmosfera di solidarietà che si era creata solo il pomeriggio precedente durante l\'asta per Libera.<br />
Non voglio entrare nel discorso \"complanare\", anche se personalmente sono convinta di molti vantaggi che seguiranno questa scelta, ma vi chiedo: quale immagine di Senigallia abbiamo dato a chi ascoltava in diretta? Non era quello il momento ed il luogo per protestare e soprattutto non sono stati civili i modi utilizzati per farsi ascoltare. Urla scomposte e fischi hanno coperto la voce dei conduttori e il comitato versus non solo non ha rispettato questi ultimi, ma anche i turisti, che giustamente non erano interessati alle beghe locali, e tutti coloro che volevano godersi quell\'ultima ora di serenità.<br />
Spero proprio che in seguito all\'accaduto Raidue non ci ripensi prima di tornare a Senigallia.. e questo sarebbe un serio danno per la città.

giulio

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV