Schiavoni: un condominio può realizzare unità immobiliari urbane in zona agricola? A Senigallia si

2' di lettura Senigallia 06/06/2009 - \"Domanda: a Senigallia un condominio può realizzare unità immobiliari urbane in zona agricola? Risposta: osservando la seguente documentazione sembrerebbe di si!\"

Nell’approvare (loro) la variante arceviese alcune osservazioni all’apparenza erano, a dir poco, strane e prive di logico significato urbanistico. In questi casi il dubbio che scaturisce è sempre lo stesso: L’approvazione dell’osservazione non servirà, per caso, a sanare qualche precedente“magagna”? La planimetria allegata sotto il n° 1 evidenzia il limite tra l’area edificabile e l’area agricola. Come si può ben notare (foto n° 2) sull’area agricola, tra l’altro completamente asfaltata, sono stati realizzatati dei posti auto all’aperto che, a tutti gli effetti, sono unità immobiliari urbane. (vedi allegato n° 4).



Anche l’elaborato planimetrico (allegato n° 3) redatto dal geometra incaricato, dimostra quanto in precedenza affermato. Come mai allora, in sede di approvazione della pratica urbanistica, chi aveva il dovere di controllare la regolarità del tutto ha preferito il silenzio? La planimetria evidenzia inoltre una superficie scoperta pari a 1700 mq. Rispettando i parametri urbanistici del lotto dovevano essere impiantate almeno 34 piante. Nella realtà all’interno del lotto non c’è nemmeno una pianta. Non ci sono nemmeno la piante preesistenti che, in base al progetto presentato, si dovevano conservare. (foto n° 5).



Visto che ora questi pini protetti (sembrerebbero cinque in tutto) non ci sono più saranno deceduti per un colpo di sole o “di mano?” Il sopralluogo effettuato dall’esterno del condominio ha permesso inoltre di evidenziare che, con ogni probabilità, anche la distanza minima dei confini (ml 5) non è stata rispettata. Altrettanto anomalo appare il fatto che all’interno del lotto non c’è un metro quadrato di verde e tantomeno di superficie drenante. In definitiva, viste le possibili anomalie urbanistiche riscontrate, occorrerà controllare anche tutti gli altri vincoli in quanto altre operazioni immobiliari successive, effettuate nei dintorni, sono a dir poco strane. Le indagini effettuate presso alcuni professionisti del settore riferiscono, e questo è grave, che anomalie (secondo me si tratta di abusi) di questo genere, a Senigallia, sono frequenti. In relazione alle precedenti considerazioni mi sento obbligato, nei prossimi giorni, a controllare il relativo certificato di agibilità.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-06-2009 alle 18:36 sul giornale del 06 giugno 2009 - 5474 letture

In questo articolo si parla di attualità, forza italia, floriano schiavoni, senigallia, floriano schaivoni





logoEV