Post maltempo: la città ora conta i danni

maurizio mangialardi 2' di lettura Senigallia 02/06/2009 - “L’ondata di maltempo di questi giorni è stato un evento assolutamente straordinario e imprevedibile ma risposta della città è stata all’altezza dell’emergenza”.

L’assessore ai lavori pubblici Maurizio Mangialardi fa il punto della situazione all’indomani di una settimana caratterizzata da un violento nubifragio (quello di mercoledì) e da cinque giorni di pioggia quasi costante. L’abbondante quantità di acqua caduta ha provocato danni, disagi e problemi. Dalla costa, dove il fenomeno dell’erosione rischia di compromettere l’avvio della stagione balneare soprattutto nella zona sud della città, fino alle campagne, dove le colture sono state in gran parte danneggiate, al centro storico, nei giorni scorsi completamente allagato.


Il litorale risulta martoriato ma gli operatori, non appena il maltempo da’ una tregua, tornano al lavoro per ripristinare gli stabilimenti balneari –afferma l’assessore Mangialardi- con le mareggiate di questi giorni l’erosione è tornata a far parlare di sé ma a questo punto della stagione non possiamo farci più nulla, ormai non possiamo più ricorrere ai rinascimenti. La zona più colpita è quella del Ciarnin. Per quanto riguarda il resto della città, le precipitazioni di questi giorni, arrivate anche a 45 millimetri in mezz’ora, sono state un evento assolutamente eccezionale che avrebbe messo in ginocchio qualsiasi città”.


A Scapezzano la grandine ha rovinato molte colture, le zone di pianura sono state tutte allagate, come scantinati, garage e ovviamente tutti i sottopassi. Anche molte strade, come la provinciale Arceviese e Corinaldese, sono state alle prese con fango e ghiaia che hanno invaso la carreggiata. La protesta più forte però si è levata dal quartiere della Cesanella dove gli imprenditori della Cna, tramite il segretario Marzio Sorrentino, hanno detto di voler chiedere i danni per gli allagamenti di molti capannoni provocati dalle fognature che non hanno retto.


Nel quartiere della Cesanella il problema delle fognature sarà affrontato con la regimazione delle acque in via Giotto e in via Piero Della Francesca mentre per la zona artigianale ci incontreremo con gli imprenditori per capire cosa si possa fare ma insieme e in sinergia –aggiunge Mangialardi- i sottopassi che sono stati allagati sono tutti riaperti, ad eccezione di quello di via Perilli dove i collettori fognari non hanno retto e l’asfalto è praticamente saltato. Per questo da mercoledì insieme alla Multiservizi daremo il via ai lavori di rifacimento delle fognature. In generale devo però dire che la città si è ripresa subito e quello che è accaduta a Senigallia è avvenuto anche in tutte le città della costa, da Pesaro ad Ancona. Stiamo già predisponendo tutta una serie di interventi a sostegno dei danneggiamenti che ci sono stati ma in generale la città non ha risentito in modo devastante”.






Questo è un articolo pubblicato il 02-06-2009 alle 23:29 sul giornale del 03 giugno 2009 - 2105 letture

In questo articolo si parla di cronaca, maurizio mangialardi, giulia mancinelli, maltempo


Maurizio

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Jek Mark

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV