Cicconi Massi: \'Il traffico mette in ginocchio alcune zone della città\'

alessandro cicconi massi 3' di lettura Senigallia 16/04/2009 - La commissione urbanistica sta esaminando da giorni il piano di risanamento acustico comunale. Sono convinto che l’esame di tale pratica risulti essere, di fatto, un vano esercizio di retorica e di politichese, quando ormai da anni l’amministrazione non ha mai posto in essere politiche per l’abbattimento e la riduzione del caos dovuto a traffico e sosta selvaggia in alcune aree della città.

Se infatti, risulta che la principale causa di rumore all’interno della nostra città, priva di realtà industriali e produttive di grandi dimensioni, sia proprio il traffico veicolare, ed in particolare in alcune strade ed essi viari della città, l’amministrazione in questi anni, ha perso solo del tempo e continua a farlo, senza prevedere un piano organico ed adeguato della sosta e della mobilità per Senigallia. L’amministrazione, ci risulta aver ormai gettato la spugna, e sul tema del traffico e del caos nella città non sta dando più alcuna risposta: non sono, infatti, risposte convincenti la sosta a pagamento in centro o la messa a disposizione dei cittadini qualche decina di bicicletta per il “bike sharing”.


Ci sono due zone della città, per la precisione la zona del vecchio “Piano Regolatore”, quella del Parco della Pace e di Via Verdi, che stanno vivendo una situazione di reale insostenibilità. La popolazione residente è realmente esasperata: zone nate come quartieri residenziali, nelle vicinanze nel centro della città, che fino a pochi anni fa erano considerate delle oasi di tranquillità, dove i bambini potevano tranquillamente giocare nelle strade o gli anziani potevano passeggiare senza rischiare ogni volta la vita, oggi si sono trasformate nelle aree della città tra le più trafficate e con i maggiori problemi di sosta e mobilità. In particolare: non esistono più spazi per la sosta per i residenti, visto che tutti i posteggi presenti sono occupati fino all’estremo dalle auto di chi, lavoratore o utente di servizi del centro storico, non trovando posti liberi in centro è costretto a parcheggiare in questa zona limitrofa. La sosta indiscriminata è causa anche di notevoli problemi per la regolare viabilità nella zona: troppo spesso, in alcune ore della giornata, le auto sono parcheggiate proprio in modo da ostacolare del tutto la visibilità in prossimità degli incroci e ciò ha come effetto l’incremento di incidenti, in qualche caso pericolosi, che coinvolgono auto, pedoni e velocipedi. Controlli non ci risulta siano stati fatti, anche se tali situazioni sono in palese contrasto con il codice della strada.


Le strade, formalmente definibili “di quartiere”, finalizzate pertanto principalmente alla sola mobilità dei residenti, sono divenute, causa forza maggiore, strade di scorrimento e di collegamento interquartiere: vengono utilizzate indiscriminatamente, senza nemmeno in rispetto dei limiti di velocità, da tutti gli automobilisti, che così evitano di bloccarsi nei nodi stradali maggiormente intasati. Non più semplice è la situazione di chi, evitando intelligentemente di utilizzare l’auto, decide di percorrere a piedi quelle strade: alcune sono totalmente prive di marciapiede, altre ne sono dotate, ma questi risultano essere del tutto sconnessi o spesso privi di manto bituminoso e sterrati, mentre per quelli che ci sono è impossibile l’utilizzazione da parte di invalidi e neonati, viste le ristrette dimensioni e la presenza di piantumazioni proprio al centro del percorso pedonale.


Premesso tutto ciò, chiedo all’amministrazione: 1)Se sia a conoscenza dello stato in cui versano queste zone della città, sopra descritte; 2)Se siano stati avviati adeguati studi per poter affrontare i problemi della sosta e del traffico in queste aree; 3)Se siano stati posti in essere o per lo meno previsti interventi sia urgenti che a lungo periodo per dare una soluzione che la città richiede con forza; 4)Se e quando l’amministrazione provvederà alla redazione del Piano Generale del Traffico, della mobilità e della sosta; Sicuro di un certo e sollecito riscontro, porgo i più distinti saluti.


da Alessandro Cicconi Massi
consigliere comunale Pdl




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2009 alle 15:58 sul giornale del 16 aprile 2009 - 3894 letture

In questo articolo si parla di alessandro cicconi massi, viabilità, politica





logoEV
logoEV