Controlli contro i clandestini: blitz dei Carabinieri al rione porto e alla stazione

1' di lettura Senigallia 06/04/2009 - Controlli a tappeto su tutto il territorio comunale da parte dei Carabinieri della Compagnia di Senigallia impegnati nella lotta alla clandestinità.

Un servizio di controllo straordinario è stato predisposto dal capitano Roberto Cardinali (nella foto) dalle ore 18 di venerdì alle 2 di sabato notte. I controlli dei militari si sono concentrati nelle zone più frequentati dagli extracomunitari, tra cui la stazione ferroviaria, il rione porto e le aree di sosta dove gli stranieri sono soliti svolgere attività commerciale ambulante.

All\'arrivo dei militari molti stranieri si sono dati alla fuga. I carabinieri hanno comunque fermato e controllato in particolare quattro senegalesi. Di questi uno, di 25 anni, è stato arrestato perchè inottemperante al decreto di espulsione già emesso nei suo confronti. Altri due, di età compresa tra i 35 e i 40 anni, sono stati denunciati perchè già precedentemente espulsi dal territorio nazionale mentre il quarto, di 36 anni, è stato denuniciato perchè inottemperante all\'obbligo di presentarsi in Questura per le pratiche di espulsione.

I carabinieri hanno inoltre elevato quattro contravvenzioni nei confronti di altrettanti extracomunitari perchè sorpresi a svolgere attività commerciale ambulante senza le necessarie autorizzazioni.






Questo è un articolo pubblicato il 06-04-2009 alle 14:54 sul giornale del 06 aprile 2009 - 2044 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli


Ho visto ieri un servizio delle Iene su come i clandestini arrivano in Italia e sul business che ruota attorno all\'immigrazione clandestina, premetto che mia moglie è straniera e abbiamo incontrato un\'infinità di problematiche per farla venire in Italia, prima su tutto il muro di gomma invalicabile posto dall\'Ambasciata e da tutte le amministrazioni pubbliche, nessuno sà mai niente e alla fine solo pagando un\'agenzia siamo riusciti ad ottenere un visto d\'ingresso, una cosa assurda, per 3 mesi di permesso ci sono voluti 6 mesi di documenti è alla fine ho dovuto pagare circa 1500 euro, una vera vergogna, detto questo è assurdo che ancora continuino gli sbarchi che rendono ricchi gli organizzatori dei viaggi della speranza e costano moltissimo alla stato, ma che senso ha? li fanno venire con il rischio di farli morire affogati, li andiamo a prendere, e poi facciamo i controlli per rimandarli a casa? non trovo una risposta razionale se non quella che molta gente lucra sulle disgrazie altrui, è indecente è vergognoso per un paese civile, se ci fosse una legge giusta ci sarebbe più tutela per tutti e quei 2000 euro che si prende la mafia andrebbero allo stato.