Conclusi i lavori su Via Petrarca che riapre alla viabilità

lavori in corso 1' di lettura Senigallia 21/03/2009 - Nel rispetto dei tempi previsti dalle ultime ordinanze emanate al riguardo, sta giungendo a conclusione proprio in queste ore il rilevante intervento pubblico che ha riguardato via Petrarca e la sua intersezione con viale Leopardi.

Il progetto ha riguardato il rifacimento della pavimentazione stradale di via Petrarca e la completa ristrutturazione dei suoi marciapiedi, che consentiranno d’ora in poi una viabilità molto più sicura per vetture, ciclisti e pedoni.

A questo si aggiungerà l’ulteriore funzionalità garantita dall’aiuola con cordoli e pavimentazione in pietra realizzata al posto dei precedenti spartitraffico in corrispondenza dell’intersezione con via Leopardi. Il periodo di sperimentazione della nuova viabilità nella zona, susseguente all’apertura del Ponte Portone, ma anche in altri luoghi della città, ha infatti dimostrato l’efficacia di questa scelta per fluidificare i flussi di traffico.

L’intervento sui marciapiedi di via Petrarca ha ricompreso infine la predisposizione di un nuovo e moderno impianto di illuminazione sull’intera via.
I lavori sono stati completati e via Petrarca è stata così riaperta al traffico, restituendo alla Città un’arteria indubbiamente preziosa per snellire la circolazione in una sua zona nevralgica.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2009 alle 23:20 sul giornale del 21 marzo 2009 - 2120 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, politica, senigallia, lavori in corso


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo


Importante!!! <br />
Diversi camion non hanno ottemperato al divieto di transito su via Petrarca, rimanendo così incastrati al momento di entrare su viale Leopardi.<br />
<br />
Non solo hanno bloccato il traffico, bensì hanno rischiato di rovinare gli arredi urbani appena inaugurati.<br />
<br />
Voglio quindi solo far presente al Comune che probabilmente la sola segaletica verticale non basta, occorre fare qualcosa in più... che so ad esempio posizionare all\'inizio della via una di quelle sbarre che delimitano l\'altezza massima (come quella che c\'è prima del sottopassaggio in via Perilli).<br />
<br />
Eleonora

A parte il divieto comunque non vedo il motivo di far costruire marciapiedi adatti a New York.<br />
Se lasciavano la strada un po\' più larga non era male ma si sa che in certi posti si ragiona con i piedi e non con la testa.




logoEV