Serra de’ Conti: autovelox \'nascosto\' in barba alla Suprema Corte

1' di lettura 18/03/2009 - La suprema Corte di Cassazione, alcune settimane fa, con la sentenza n^ 11131 ha stabilito che gli autovelox debbano non solo essere segnalati, ma anche resi ben visibili, in modo che essi possano veramente espletare alla loro vera funzione, che è quella di addolcire la guida scorretta di alcuni, convincendoli, con la visione, e quale miglior modo di questo, ad alzare il piede dall’acceleratore.

Tale regola è probabilmente sfuggita ai solerti vigili urbani di Serra dei Conti che, forse ignoranti delle più recenti disposizioni o, più probabilmente, memori di altri usi più proficui per le casse comunali, continuano a tenere nascosto l’apparecchio, in questo caso il giorno 17 marzo, mattino, in via brodolini, “in barba” ad ogni sentenza, ad ogni regola di coscienza e, permettetemi, ad ogni buon gusto.

Speriamo che questo “uso-abuso” degli apparecchi, come definito dall’avvocato Carlo Rienzi del Codacons, finisca presto e che negli amministratori locali e, anche e soprattutto, nei loro sottoposti che mettono in pratica le disposizioni, si accenda la scintilla della coscienza per poter pensare al vero bene del cittadino. Quello che insegna ed a volte impedisce anche in modo impopolare. Ma che non intacca il bilancio delle famiglie. Specialmente in periodi come questo.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-03-2009 alle 23:56 sul giornale del 19 marzo 2009 - 2616 letture

In questo articolo si parla di attualità, serra de' conti, autovelox, Marco Anthony


un amico

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Chi ha sbagliato e ignora le disposizioni per il suo lavoro deve essere denunciato poi risarcire di tasca propria i danni provocati e infine licenziato.

Romano 74

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV
logoEV