Nascondeva la droga nelle mutande, arrestato insospettabile ventenne

carabinieri senigallia 2' di lettura Senigallia 08/02/2009 - Spacciava droga nei pressi della Rocca Roveresca tenendola nascosta nelle mutande. La sua \"base\" era in una stanza di albergo.


E\' stato scoperto ed arrestato dai Carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Senigallia M.A.P., ventenne senigalliese, incensurato e definito dagli inquirenti un \"insospettabile\".


Il ragazzo è stato fermato dai militari nei pressi della Rocca Roveresca, ormai diventata secondo gli investigatori \"la piazza\" ideale per lo spaccio di droga ai giovani senigalliesi. Proprio il 17 gennaio era stato arrestato un altro ragazzo sorpreso a spacciare in prossimità della pista di pattinaggio sul ghiaccio.


Ad insospettire i Carabinieri è stato giovedì scorso l\'arrivo a \"frotte\" di gruppi di ragazzi alla Rocca all\'appuntamento con lo spacciatore. Il ragazzo, perquisito dai militari, teneva 3 tavolette da 100 grammi ciascuna di hashish nascoste nelle mutande mentre in tasca aveva altri 1.200 euro in contanti. Al momento dell\'operazione sono stati controllati anche cinque ragazzini (tutti minorenni tranne uno) che aspettavano probabilmente di acquistare la droga. Dalla perquisizione fatta in casa dei genitori del ventenne, sono stati trovati altri 60 grammi di marijuana essiccata, messa all\'interno di una busta di naylon nascosta in un baule in soffitta insieme ad un bilancino di precisione.


Una volta in caserma, il ragazzo ha cercato di disfarsi di una chiave. I militari l\'hanno recuperata e scoperto che si trattava della chiave di una camera di albergo che il ragazzo aveva affittato. Mentre il ragazzo è stato messo agli arresti domiciliari, i Carabinieri hanno perquisito la stanza d\'albergo trovando altri 35 grammi di marijuana già confezionata in due fagotti; il tutto riposto in un borsone contenente anche dei vestiti.


Secondo gli investigatori la droga destinata al mercato senigalliese proviene dall\'Emilia Romagna dove pusher, soprattuto extracomunitari, la trasportano fino a Senigallia soprattuto via treno. La merce è sempre quasi tutta \"prenotata\" da gruppi di ragazzi con buona disponibilità di denaro.












Questo è un articolo pubblicato il 08-02-2009 alle 20:06 sul giornale del 09 febbraio 2009 - 2245 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, carabinieri, senigallia, carabinieri senigallia





logoEV
logoEV