statistiche accessi

Basket: la Goldengas anticipa cercando il grande exploit

2' di lettura Senigallia 17/01/2009 -

Biancorossi sull\'imbattuto campo della seconda in classifica Verona.

Si gioca stasera alle ore 21.05. Diretta su RadioDuomo 95.2.





Anticipo del sabato per la Goldengas che questa sera alle ore 21.05 rende visita alla Scaligera Tezenis Verona, seconda in classifica con 20 punti ed ancora imbattuta in casa.


Si tratta di un avversario di prestigio: la Tezenis è infatti l\'erede della grande Verona che negli anni 90\' fu tra le big del basket italiano, raggiungendo i vertici della pallacanestro non solo nazionale prima di un\'amara scomparsa, un destino comune a molte.

Ma a Verona la passione non è mai stata persa, complice un impianto di categoria superiore ed un pubblico sempre fedele alla pallacanestro (anche 2700 presenze quest\'anno): così è stata creata una squadra ambiziosa con l\'obiettivo non nascosto di tornare almeno in A dilettanti.


La Tezenis, guidata in panchina da un coach con una lunghissima esperienza anche a livello di massima serie, come Faina, ha condotto un campionato sempre al vertice spinta soprattutto dalla forza dei suoi esterni, Gueye, determinante nel successo dell\'andata a Senigallia (19.2 punti in 29\') e Losi (15.4 in 34\') senza dimenticare il 6° uomo, ma di lusso, Dri (19 anni, ma 12.3 punti in 25\'): i tre furono decisivi all\'andata quando Verona tuttavia non impressionò contro una Goldengas grande per 30\', mostrando un settore lunghi non all\'altezza del reparto esterni.


Una lacuna evidente che è stata però colmata durante il mercato di dicembre, che ha portato a Verona un colpo da novanta come Matteo Nobile, 35 anni, promessa assoluta mai del tutto sbocciata che proprio negli anni d\'oro del basket veronese (quelli che gli appassionati ricorderanno sponsorizzati Glaxo, Birex, Mash e Muller) diede il meglio di sé arrivando fino alla nazionale: per Nobile, che aveva iniziato la stagione a Gorizia, ci sono fino ad ora 13.3 punti e 6.7 rimbalzi in 27\'. A lui si affianca il fratello Claudio (7.8 punti, 5.3 rimbalzi in 23\') e soprattutto l\'ex dorico Soave (6.7 punti, 8.1 rimbalzi in 32\').

Tanti minuti durante il campionato anche per Silvestrucci, play guardia (8.6 punti, 5.1 rimbalzi in 28\') e Verri (9.4 e 6.1 in 23\'), praticamente sacrificato però con l\'arrivo di Matteo Nobile, una decisione rischiosa considerando anche la futuribilità del primo (23 anni), ma che dimostra la volontà della società di vincere subito.

Un ampio manipolo di under completa di volta in volta il roster, con minutaggi medi comunque quasi vicini allo zero.






Questo è un articolo pubblicato il 17-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 17 gennaio 2009 - 1187 letture

In questo articolo si parla di sport, andrea pongetti





logoEV
logoEV
logoEV