statistiche accessi

Ecco come \'fare impresa\'

confartigianato 3' di lettura Senigallia 16/01/2009 - La Confartigianato di Senigallia ha attivato il servizio “fare impresa” Contro la logica del declino, un incentivo ad aprire nuove attività In un momento di difficoltà serve un aiuto per fare impresa.

Nel 2008 nel comune di Senigallia sono nate 120 nuove imprese artigiane. La fase di start up è la più complessa, per questo la Confartigianato ha attivato il servizio “fare impresa” attivo presso la sede dell’Associazione in Via Chiostergi e presso tutte le sedi territoriali. Fare impresa, ricorda il Presidente della Confartigianato di Senigallia Marco Bazzucchi, è il progetto Confartigianato finalizzato a favorire la creazione e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali nel settore dell\'artigianato e del lavoro autonomo. Alla base di questo servizio c’è la volontà di valorizzare l\'artigianato (più di 2.200 le imprese che operano nel Comune di Senigallia) quale scelta imprenditoriale consapevole, determinare il consolidamento delle imprese artigiane nei primi anni di vita, sostenere lo sviluppo delle nuove imprese attraverso una continua attività di formazione, informare le nuove imprese sulle opportunità e sulle agevolazioni previste dalle normative nazionali e locali.




Presso tutti gli uffici territoriali della Confartigianato, un team di operatori specializzati fornisce gratuitamente consulenza ed informazioni: per studiare la fattibilità del progetto (stesura del business plan e valutazione della fattibilità), per ricercare agevolazioni di legge ( consulenza sulle leggi regionali e nazionali in materia di finanziamenti e contributi per l’impresa, redazione e gestione delle pratiche di finanziamento e della rendicontazione finale) La Confartigianato inoltre ha deciso di puntare sulle iniziative imprenditoriali offrendo ai neoimprenditori tutti i servizi a prezzi promozionali: credito, contabilità, paghe, ambiente. Uno spazio importante ha poi la formazione con la consulenza per l’avviamento al lavoro autonomo, ma anche corsi per neo imprenditori (fornisce consulenza sulle caratteristiche di un imprenditore e di una impresa moderni e competitivi e sugli strumenti necessari per affrontare le sfide del mercato globale finanziamenti, formazione, controllo di gestione, collaboratori, marketing, internazionalizzazione…). Ed infine anche consulenza per la trasmissione di impresa per quanti vogliono subentrare in una attività già avviata.




A queste imprese, la Confartigianato propone, un programma di interventi per impostare adeguatamente azioni finalizzate a garantirne continuità e rinnovamento. Il passaggio generazionale ai vertici dell’impresa può rappresentare contemporaneamente un’importante opportunità di trasformazione e di crescita e una fonte di possibili difficoltà per l’azienda. Secondo stime recenti, oltre il 55% delle imprese gestite dal fondatore subiranno un passaggio generazionale nell’arco dei prossimi 10 anni. L’età di una generazione imprenditoriale è stimata in 25/30 anni. Il primo passaggio avviene in media dopo 32 anni, mentre il secondo dopo 21. Il ricambio è nel 60% dei casi intrafamiliare. Il servizio “successione di impresa” è attivo presso tutte le sedi della Confartigianato dove gli esperti dell’associazione sono a disposizione per fornire tutte le informazioni necessarie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 16 gennaio 2009 - 1295 letture

In questo articolo si parla di attualità, lavoro, confartigianato, commercio, impresa





logoEV