statistiche accessi

Paradisi: dall’estremista Mancini ancora nessuna parola di condanna contro Hamas

paradisis 1' di lettura Senigallia 11/01/2009 - Il consigliere Roberto Mancini ha ripreso a fare il furbetto dei quartieri estremisti.

Dopo aver partecipato ad un corteo in cui si è espressa (lo si è letto nel comunicato degli organizzatori) solidarietà alla “lotta” palestinese (e non al popolo) e nessuna parola di condanna è stata spesa in solidarietà ai civili israeliani massacrati da Hamas, sale in cattedra e pretenderebbe di dare lezioni di democrazia a chi, al contrario di chi sventola falce e martello, la democrazia l’ha sempre praticata.

Ricordo a Roberto Mancini, che forse non è uso al calcolo elementare, che il sottoscritto, nella metà del secolo scorso, non era nemmeno nato. Al sottoscritto (definito con disprezzo dall’estremista Roberto Mancini “certa destra”), non è riconducibile né una parola né un’azione di vago sentore antisemita. Le allusioni di Mancini sono irresponsabili e vergognose. Le mie prese di posizione a favore di Israele sono note, convinte, e non di ora. Diversamente, da Roberto Mancini e dai suoi accoliti (che si trincerano dietro la solidarietà agli ebrei di sessanta anni fa per attaccarli con coscienza leggera oggi) aspetto ancora una sola parola di dura condanna contro gli attacchi di Hamas al quale invece è stata espressa una inquietante e imbarazzante solidarietà. Questo assordante silenzio dimostra ancora una volta il tenore antisemita di quel corteo di cui la città si vergogna.

da Roberto Paradisi
Liberi x Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 12 gennaio 2009 - 1232 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, liberi x senigallia, politica, roberto paradisi liberi per senigallia





logoEV
logoEV