x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Il Cir 33 non percepisce le osservazioni degli utenti

3' di lettura
1703

da Maurizio Tonini Bossi
ex consigliere comunale
 


via ginestre

Il Cir 33 ha pubblicato sul sito del Comune di Senigallia una Carta dei Servizi per la raccolta differenziata dispensando consigli per tutti gli utenti.

Intende così mettere a disposizione uno strumento attraverso cui gli utenti possano esercitare un ruolo partecipativo e di controllo indispensabile al miglioramento della qualità dei servizi, dovendo (il Cir stesso lo afferma) essere sempre in condizione di recepire le osservazioni dell\'utenza, di farsene carico.e quindi adeguare le modalità di svolgimento del servizio alle reali esigenze dei cittadini.




Il Cir nel suo comunicato afferma che “intende dimostrare che la qualità del servizio pubblico è ancora un bene comune da gestire in forme trasparenti e in sintonia con le esigenze della collettività”. Tutti molto positivi gli intendimenti del CIR 33, peccato che la realtà, molto diffusa in città è tutt’altra cosa; a prescindere da affermazioni generiche, ci limitiamo a citare l’esempio di via Ginestre 17,19 e 21, documentato dall’allegata foto. I proprietari interessati da mesi esercitano, pazientemente, quel “ruolo partecipativo” di cui parla “virtualmente” il CIR, attraverso contatti formali e diretti con il Comune (Uffici competenti) e con il Cir nelle persone di: Direttore Dott.ssa Laura Filonzi - Ufficio raccolta rifiuti Controllo sul servizio Dott.ssa Federica Falcioni - Collaboratore Dott. Paolo Santinelli - Compostaggio domestico Dott.ssa Xenia Kranjcic - Sportello Cir33 Maila Bacci - Affari Generali e legali - Responsabile Avv. Laura Picchio - Funzionario Dott.ssa Cecilia Marchetti - Collaboratrice Dott.ssa Michela Marini.



Oggetto della richiesta inoltrata, e ripetutamente sollecitata: Trasformazione raccolta rifiuti da condominiale a singola.

CONDOMINI DI VIA GINESTRE 17-19-21: Dopo ripetute sollecitazioni quindi non sono mancate assicurazioni senza alcun seguito, una recente telefonata dall’ Ufficio Ambiente del Comune di Senigallia ici informa che la soluzione del problema da noi posto si è ulteriormente burocratizzando in modo intollerabile, ed ora, la beffa della carta dei servizi e le sue clamorose contraddizioni. Occorre premettere: è stata accertata ufficialmente e a noi comunicata dal Comune di Senigallia, la bontà della nostra richiesta per le questioni oggettive dimostrate ed accertate a seguito di sopralluogo congiunto Comune/CIR; il Comune di Senigallia ha sempre invocato la legittima esigenza di interessare il Cir ; lo “sconcio” di Via Ginestre è peggiorato nel tempo; i cosidetti ipotizzati nostri “abusi” per la occupazione del marciapiede sono stati considerati temporaneamente “accettabili !?” in quanto giustificati dalle rappresentate impossibilità di gestione alternativa sempre che non venga accolta la nostra richiesta; da mesi si attendono fatti concreti ma non arriva la necessaria consegna dei contenitori singoli in sostituzione di quelli condominiali; il Comune ci ha chiesto il numero esatto dei condomini da soddisfare quasi fosse “cosa fatta”, ma ad oggi nulla di fatto.




Dopo aver premesso quanto sopra e dopo aver atteso pazientemente oltre un anno, ora ci viene spiegato che il CIR a seguito della nostra ed altre richieste analoghe, dovrebbe “rivisitare” la convenzione che ha stipulato con il Comune; in concreto, se abbiamo ben compreso, i compensi a favore del Cir dovrebbero essere “ritoccati” per poter effettuare una raccolta nei modi necessari.- Se di questo si trattasse ciò significherebbe privilegiare una questione formale ed eslusivamente economica, metterendo in secondo piano il decoro, l’igiene, il disagio pubblico e privato; ci si troverebbe di fronte ad un fatto grave da denunciare alla opinione pubblica e non solo. Il CIR di fatto emette proclami ma non rispetta le regole di collaborazione che enuncia con tanta enfasi; ogniuno dei responsabili citati che non hanno avuto neanche il garbo di rispondere alle richieste a loro indirizzate, sono invitati a fare il loro dovere con il criterio minimo e doveroso del “buon padre di famiglia”.





via ginestre

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 30 dicembre 2008 - 1703 letture