statistiche accessi

A.A.A. velisti cercasi disperatamente

barca a vela 2' di lettura Senigallia 18/10/2008 - Esiste un pregiudizio molto diffuso che riguarda il mondo della vela e che è ormai necessario sfatare.  Sto parlando del fatto che secondo alcuni questo è uno sport da ricchi snob.  Niente di più falso.  

Il Club Nautico, la Lega Navale e l\'Associazione Velica mettono a disposizione dei soci non “armatori” un certo numero di imbarcazioni, sia derive che piccoli cabinati, con costi che vanno da zero a pochi euro al fine di attirare nuovi appassionati nell’ambito della vela. Si inizia dagli Optimist per poi passare agli Europa, ai Laser, ai 420, ai 470, agli Alpa 5,5 e ai Trident ecc. e si finisce su piccoli cabinati tipo Arlecchino e Beneteau 25 (entrambi di m.7,5); in più nei limiti della disponibilità dei soci che possiedono già una barca è possibile concordare nei fine settimana alcune uscite di iniziazione.


Per chi desidera fare un vero corso di vela o addirittura impegnarsi in regate, che siano bambini, ragazzi o adulti, sono previste varie opportunità tutte a costi abbordabili ed in linea con qualsiasi altro sport. Se si inizia questa fantastica avventura durante la buona stagione non è nemmeno così tanto necessario dotarsi delle più costose attrezzature tipo cerate, mute, guanti, calzari ecc. Credetemi so quello che dico: mio figlio di barche non ne vuole sapere e così negli ultimi cinque anni mi sono fatto un’idea del costo del karate, della pallacanestro, del calcio, del nuoto, e del ping pong! Del resto io stesso dal 1996 ho portato sulla mia barca gratis oltre una decina di ragazzi che spesso partivano da zero: eppure alcuni di loro oggi sono diventati armatori, fanno regate, hanno attraversato l’Atlantico, sono skipper professionisti, fanno charter in croazia o in grecia oppure sono entrati stabilmente a far parte del mio equipaggio e hanno macinato migliaia di miglia.


E allora... che aspettate… un caffè in meno al giorno e in un velista mi trasformo!







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 18 ottobre 2008 - 1501 letture

In questo articolo si parla di attualità, sport, vela, Andrea Messersì





logoEV
logoEV
logoEV