statistiche accessi

Complanare: l\'impatto ambientale non convince i residenti

3' di lettura Senigallia 17/10/2008 - La complanare non convince i residenti dei quartieri più toccati dalla nuova strada che sarà realizzata contestualmente alla terza corsia dell\'A14.

Ieri pomeriggio all\'Auditorium San Rocco, gremito di pubblico, i tecnici di Spea (l\'Ingegneria Europea di Società Autostrade), dell\'Arpam e della Regione Marche hanno illustrato la valutazione dell\'impatto ambientale che ha dato il via libera all\'approvazione definitiva del progetto. Un giudizio che si basa sulla convinzione, supportata da studi e simulazioni di traffico, che \"la complanare ridurrà il traffico veicolare della statale e del centro cittadino, migliorando la qualità dell\'aria\". Ma i residenti dei quartieri attraversati dalla complanare, come borgo Ribeca, borgo Coltellone e borgo Molino non la pensano così. Numerosi i fischi e gli mugugni in sottofondo durante le relazioni dei tecnici così come le critiche verso i rappresentanti delle categorie economiche che appoggiano la complanare.


Le due bretelle da strada della Marina al casello autostradale che sarà ribaltato e da qui fino all\'innesto con la statale 16 al Ciarnin saranno realizzate in complanare alla terza corsia dell\'A14, prevedendo cinque rotatorie di innesto alla viabilità cittadina, tre intersezioni a raso, un sottovia in via Giordano Bruno, un nuovo viadotto sul Morignano, un ponte sul Misa e una galleria artificiale a borgo Coltellone. \"Le simulazioni di traffico pensate fino al 2030 dicono che le bretelle assorbiranno dalla statale tra l\'82 e l\'83% del traffico -ha detto l\'ing. Alessandro Cercamondi di Società Autostrade- con una riduzione delle emissioni inquinanti di oltre l\'80%, sia per l\'aria che per i rumori grazie a nuove barriere a sbraccio che coprono tutta la sede stradale\". \"La valutazione di impatto ambientale che abbiamo rilasciato è una garanzia per tutti i cittadini -ha commentato David Piccinini, dirigente della Regione Marche che ha firmato la certificazione- il progetto della complanare, grazie alle osservazioni poste, è stato integrato e modificato migliorandolo ulteriormente\".


Tante rassicurazioni che non hanno convinto i residenti dei quartieri dove la complanare passa a pochi metri da case, scuole e ospedale che hanno fischiato gli interventi di Claudio Albonetti, presidente di Asshotel, e di Silvio Pasquini, presidente del Gis, che hanno elogiato \"un\'opera che dopo decenni risolverà i problemi infrastrutturali della città\". Tra gli interventi critici quelli di Roberto Chistergi, del Movimento Lento Ciclabile, di vari cittadini che temono per la salute di chi vive in prossimità della complanare, già oggi gravati dalla presenza dell\'Autostrada e del depuratore, e anche dell\'ex sindaco Primo Gazzetti che ha rotto il silenzio sfidando la Angeloni a \"stoppare il progetto, affidandolo ad comitato tecnico indipendente dalla politica\".


\"Con la complanare abbiamo portato a casa un grande risultato, di tutta la città, atteso da anni -ha detto il sindaco Luana Angeloni- perchè Senigallia necessita di una nuova strada urbana, di collegamento fra i quartieri, realizzata con tutti gli accorgimenti e le certificazioni a tutela della salute\". \"Il confronto sulla complanare c\'è sempre stato -ha aggiunto l\'assessore all\'ambiente e mobilità Simone Ceresoni- la responsabilità della partecipazione non è solo dell\'Amministrazione ma anche dei cittadini che devono intervenire non solo per provvedimenti che li toccano da vicino, ma anche per progetti magari più lontani dalla propria casa\".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 ottobre 2008 - 5134 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica





logoEV
logoEV