statistiche accessi

Senigallia e la Grande Guerra, in arrivo un convegno a San Rocco

guerra 1' di lettura Senigallia 08/10/2008 - Senigallia nel mirino degli austriaci, la Grande Guerra torna a vivere in un convegno regionale. Per non dimenticare le note vicende dalla Prima Guerra Mondiale, cha hanno visto Senigallia protagonista di uno dei primi bombardamenti italiani, il Centro Cooperativo Mazziniano assieme all’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano ha organizzato un convegno regionale all\'Auditorium San Rocco dal titolo “Le Marche e la Grande Guerra (1915-1918).

\"Per colpire la grande importanza che il porto di Senigallia ricopriva nell’economia locale -ha spiegato il professor Marco Severini dell\'Università di Macerata-, il 23 e 24 maggio del 1915 gli Austriaci bombardarono dal mare la città, facendo ben ventuno vittime. Ecco perché vogliamo organizzare il convegno qui sulla spiaggia di velluto\". L’appuntamento culturale aprirà i battenti venerdì 17 alle 9,30 a San Rocco con il saluto del presidente del consiglio regionale, Raffaele Bucciarelli, del presidente della Provincia, Patrizia Casagrande e del sindaco, Luana Angeloni.

Al convegno –ha sottolineato la vice presidente del comitato provinciale dell\'Istituto del Risorgimento, Lidia Pupilli- parteciperanno ben ventitre relatori. La particolarità di questo argomento sta nell’età media dei relatori: 40 anni. Ciò significa che il tema della Grande Guerra è attuale e interessa un pubblico giovane. Oltre all\'aspetto tematico, di particolare interesse l\'approfondimento di quella catastrofe sulle aree periferiche e quindi sui nostri territori provinciali.\"

Le sessioni della prima giornata saranno introdotte dal professor Gilberto Piccinini dell\'Università di Urbino che parlerà de \"La regione alla prova bellica\"





Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 08 ottobre 2008 - 1740 letture

In questo articolo si parla di luana angeloni, attualità, riccardo silvi, auditorium san rocco, patrizia casagrande esposto, centro cooperativo mazziniano, guerra, marco severini, Raffaele Bucciarelli





logoEV
logoEV
logoEV