Via Piave, Formiconi: spostiamo la stazione degli Autobus

autobus 3' di lettura Senigallia 05/10/2008 - Da tempo alcuni cittadini residenti nella via Piave lamentano il fatto che la dislocazione della autostazione delle corriere non sia la più consona e la più degna per una città come Senigallia.

La lamentela, iniziata ormai diversi anni fa, è legata, per i residenti, al notevole traffico generato dal transito dei pullman in una zona residenziale che negli ultimi tempi ha visto aumentare notevolmente il numero delle famiglie presenti; considerato che la viabilità è peggiorata (via Piave per esempio è stata ristretta con la costruzione di una strada complanare a servizio del parcheggio) la situazione sta diventando pesante.

A tutto ciò infatti ne è conseguito un aumento notevole del disagio e del pericolo presenti, causati principalmente dal concomitante e auspicato aumento del traffico leggero - pedonale e ciclistico - che la zona ha avuto negli ultimi anni proprio per i numerosi nuovi insediamenti e per il ruolo di snodo che svolge.

Leggiamo nei quotidiani che le lamentele per la inadeguatezza della autostazione e della sua dislocazione sono pervenute anche dagli utenti (mancanza di pensiline, servizi igienici) e dagli conducenti dei mezzi pesanti (mancanza di spazi adeguati disponibili).

Ancora una volta la risposta dell’Amministrazione Comunale è stata quella di aggirare il problema vero proponendo la installazione di “sbarre telecomandate” ed evitando accuratamente di affrontare il toro per le corna: approvare e realizzare un progetto serio per la città, che la faccia evolvere sul trasporto pubblico al pari delle altre città della costa: ribadiamo che è urgente definire una nuova dislocazione dell’autostazione che sia degna della Città di Senigallia e non una autostazione “appoggiata” in una strada del centro città.

Quindi stavolta i residenti dovranno vedersela con la novità delle sbarre che l’Amministrazione Comunale impianterà tra via Piave e via Montenero; quante altre novità si dovranno aspettare ancora?

E’ da ricordare inoltre che, nell’area dell’ex Consorzio Agrario a breve sarà inaugurato anche un nuovo parcheggio sotterraneo che certo non andrà a migliorare la situazione di traffico della zona.

Ribadiamo che solo con la individuazione di un nuovo sito per la autostazione, e la realizzazione di adeguate infrastrutture potranno essere risolti i problemi sia dei residenti sia degli utenti sia di chi il mezzo lo usa per il lavoro: gli autisti.

A quando l’Amministrazione Comunale fornirà una risposta seria in argomento, con i fatti, che valorizzi il servizio di trasporto pubblico e l’intera città e non con risposte tampone quale quella letta sui quotidiani delle installazione “sbarre automatiche”?

I cittadini dovranno attendere fino a quando?






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 06 ottobre 2008 - 5395 letture

In questo articolo si parla di viabilità, politica, via piave, autobus, trasporto pubblico, Paolo Formiconi, stazione degli autobus


Con questo articolo si pretende \"una risposta seria\" ad una domanda alquanto sciocca.<br />
<br />
Ci sono nuove case, nuove attività, \"si costruisce un nuovo parcheggio sotterraneo\", e il problema del traffico come si risolve?<br />
Chiaramente togliendo gli autobus.<br />
<br />
Mica togliendo le macchine. Questo non vi è proprio passato per la mente.

E non dimenticare che gli autobus erano li prima della costruzione delle case; le macchine dei condomini no.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Claudio

Giuste le affermazioni sopraelencate.<br />
In questo ultimo periodo si ascoltano le persone che urlano di piu\'.<br />
Chi abita nelle zone di piazza d\'armi, Molinello e le vie limitrofe sino al semaforo di via cilea, non si sono accorte del notevole aumento di BUS che gli passa a fianco ai loro piedi???<br />
Iniziamo ad urlare pure noi e scrivere sui giornali, così i Bus invece di transitare nelle nostre vie strette, con molti incrocie e piene di bambini che vanno al parco a giocare o in piscina, passono in una strada alternativa.<br />
Ritengo giusto ridurrere il traffico, aumentare i servizi pubblici ed incentivare il centro storico. Non è giusto manifestare solo e sempre sugli interessi del \"PORTAFOGLIO\" personali di alcune persone.<br />
Continuando così si agevolano alcune persone e se ne penalizzano molte altre.<br />

Non ho capito qual\'è il problema di Via Piave.....<br />
Dove si dovrebbe fare la stazione degli autobus in Piazza Duomo? o dentro la Rocca?<br />
Quel condominio è nato male e lo definirei un eco-mostro, come dicevano sopra la stazione degli autobus era preesistente. Il trasporto pubblico dev\'essere sicuramente rivisto ma un autostazione dev\'essere per forza al centro di una città o da quelle parti e se la togliamo da lì dovremmo comunque piazzarla vicino ad altri condomini o palazzi.<br />
Il problema è un altro: le città sono fatte non a uso e consumo delle persone ma a uso e consumo dei mezzi di trasporto in special modo le macchine.<br />
IL corriere adriatico di ieri pubblicava un articolo dove si diceva che nella Zona del Piano Regolatore sarebbe andato in funzione un esperimento di Shared Space ovvero togliere completamente la segnaletica stradale dalle strade rendendo così più guardinghi e responsabili gli automobilisti che non essendo assistiti da segnali e sentendosi meno sicuri avrebbero ridotto la velocità. Il titolo dell\'articolo era \"Un quartiere senza più segnaletica stradale\". Poi andando a leggere l\'articolo si scopriva che invece la segnaletica restava in quanto quel luogo è un dedalo di incroci e il progetto era inattuabile.......Il titolista probabilmente non aveva letto l\'articolo. L\'amministrazione dovrebbe prendere decisioni coraggiose altrimenti tra un paio d\'anni con o senza la complanare inter-condomini cammineremo sopra i tetti delle macchine.

Prima della costruzione del condominio di via Piave la stazione autobus era efficente: la strada era larga, la posizione centrale era ottimale e non potevano transitare altri mezzi... Ora la strada si è ristretta con in più il transito auto condominiali... logico, no??<br />
<br />
Ma quando si approvano le costruzioni di strutture ci si rende conto dei cambiamenti che tocca affrontare o si improvvisa il tutto?? Era ovvio che nasceva questo problema con il nuovo condominio (o perlomeno, nel modo in cui è stato progettato). <br />
<br />
Comunque, confidando nella competenza delle persone, presumo che sia già stata prevista, da qualcuno dell\'amministrazione comunale, la soluzione per il posizionamento della nuova autostazione... o sennò spostiamo veramente l\'autostazione alla Rocca...

Rispondo alla tua puntuale domanda:<br />
\"Ma quando si approvano le costruzioni di strutture ci si rende conto dei cambiamenti che tocca affrontare o si improvvisa tutto?\"<br />
La risposta è: \"Si improvvisa tutto!\"

Non è del tutto sbagliato quello che dice Formiconi...<br />
In questi anni a senigallia ne sono state pensate di tutti i colori compresa quella enorme castroneria di eliminare la ferrovia e la funzionalità di una stazione che è forse la più centrale rispetto alla città di tutte le altre marchigiane...ma nessuno ha mai presupposto una possibilità per una autostazione più dignitosa.<br />
E\' chiaro che è tutt\'altro che facile trovare un\'altra collocazione...ma per lo meno provarci...invece di risolvere con una sbarra e vietare un\'altra via cittadina che potrebbe essere invece riconsegnata alle persone...<br />
<br />
stanco in vacanza a senigallia<br />

Di cazzate ne ho sentite tante, ma questa di togliere la segnaletica per rendere più sicuri gli incroci \"responsabilizzando\" gli automobilisti è forse la più grossa.<br />
<br />
Allora aboliamo direttamente il codice della strada così dovremmo per forza stare tutti più attenti.<br />
<br />
Come nel far west, quando dovevi stare sempre con gli occhi aperti perchè potevi beccarti una pallottola in qualsiasi momento.

Peccato che ci sia una città in Olanda dove questo è stato fatto e dove gli incidenti urbani, quelli più numerosi, siano calati del 40 per cento.<br />
Pensa che qualcuno fino al Medioevo pensava che il Sole girava attorno alla Terra e a chi gli diceva il contrario quelli come te lo bruciavano........

Sembra una cretinata e forse lo è. Ma nel senso che non necessariamente quello che funziona in Germania funziona in Italia. Lì funziona a quanto pare, ma loro sono tedeschi e invece di lampeggiarti se in giro ci sta la polizia, ti prendono la targa se fai una cazzata sperando che nessuno ti veda. Chissà perchè da loro ci stanno dieci volte gli stranieri che da noi, ma l\'esercito rimane in caserma.

Beh, hanno costruito intorno alla Veco e poi si sono accorti di cosa facevano, hanno costruito di fianco al depuratore e poi hanno sentito che puzzava...è una legge commerciale, devi costruire il bisogno e poi vendergli il prodotto. Adesso prima o poi si parlerà di spostare la stazione, oppure meglio di togliere lo stadio per allargarla (e già che ci siamo tirare su qualche condominio).

In Olanda vendono anche la droga nei bar.<br />
<br />
Quella sì che per la sicurezza stradale è un toccasana.<br />
<br />
L\'inquisitore del mondo moderno sei tu.<br />
Sei tu che vedi il diavolo dappertutto.<br />
Anche nelle automobili.<br />

Commento modificato il 06 ottobre 2008

Io ho girato in tutta l\'Europa e, dopo averci riflettuto parecchio, mi sono convinto che non dobbiamo invidiare nulla a nessuno.

Sicuramente quello non è il posto più adatto per l\'autostazione.<br />
<br />
Ma più ci rifletto e più faccio fatica a trovarne altri

Non vedo diavoli da nessuna parte.<br />
Dico solo che bisogna limitare l\'uso delle auto.<br />
C\'è qualcuno che pensa che le auto si usano troppo poco.......<br />
Comunque MelCago che da dell\'Inquisitore a Quilly è come Luxuria che da del finocchio a Rocco Siffredi......battutaccia.....

E\' una tua legittima opinione. Sbagliata ma legittima.

Oh, se l\'Italia vi fa così tanto schifo potete anche levavve dai cojoni

Off-topic

Lo so che non te ne accorgi ma sei un retrogrado inquisitore a caccia di streghe.<br />
<br />
E anche un pessimo cabarettista.

Molti non si accorgono di essere retrogradi inquisitori, e tantomeno pessimi cabarettisti, altri invece non riescono a rendersi conto di essere nauseabondi post-fascisti edulcorati da un aurea legalitaria tardo-berlusconiana che in cuor loro non hanno per niente.<br />
Accusano gli altri di essere retrogradi inquisitori e poi non vanno in via Carducci perchè hanno paura che qualche extra-comunitario gli scippi, dimenticando che in Via Carducci non è mai successo nulla.<br />
Accusano quelli del Mezzacanaja di essere, loro sì, il diavolo in persona quando quelli del Mezzacanaja sono gli unici cittadini senigalliesi under 30 che conoscono passo passo il tragitto della Complanare (esempio).<br />
Ovvio che i post-fascisti proto-berlusconiani adorano i ragazzotti lobotomizzati che fanno scorribande con gli scooter e conoscono solo l\'ultimo modello di auto <br />
che sfreccia ai 200 all\'ora o l\'ultimo reality della Defilippi. Quelli del Mezzacanaja pensano, a volte sbagliando, gli altri che non pensano ci indovinano sempre........Il leader vuole questo....Panem et circensis.....

Non mi fa schifo l\'italia ma alcuni cittadini italiani, e prima di levarmi dai coglioni io mi auguro che si levino dai coglioni loro......

Non vado in via Carducci perchè è un\'isola pedonale del cazzo ed io col mio potente suv da postfascista filoberlusconiano non posso entrarci.<br />
<br />
Sei un luogo comune vivente.

Non si può.<br />
Sei costretto a convivere con me.<br />
Volemose bene.