Rapina in via Rieti, un uomo finisce all\'ospedale

casa rapina cavalier bastianelli 3' di lettura Senigallia 11/09/2008 - Si sveglia nella notte con tre ladri in casa che, per costringerlo ad aprire la cassaforte, lo picchiano mandandolo in ospedale. Protagonista della triste vicenda è il Cavalier Franco Bastianelli, il noto imprenditore senigalliese Amministratore delegato della casa editrice Raffaello Editore.

Il fatto è avvenuto martedì notte proprio in via Rieti 29 dove Bastianelli abita assieme alla madre. Stando ai primi accertamenti effettuati dalla Polizia di Stato i tre malviventi, per cercare di convincere l’imprenditore ad aprire la cassaforte contenete diversi preziosi, lo hanno preso a pugni e calci ma senza ottenere risultati. La vittima infatti avrebbe reagito ai violenti sistemi della banda di rapinatori mettendoli in fuga. Alla fine con sé i tre malviventi avrebbero portato solo alcuni gioielli e nulla più. Ora quel che rimane è la paura. Ieri per tutta la giornata la villa di Bastianelli in via Rieti è stata un via vai di curiosi che con gli occhi cercavano tracce del passaggio del ladri. In casa c’era solo la madre dell’imprenditore cinquantacinquenne. “Abbiamo avuto molta paura –dice la donna, ancora visibilmente scossa-. Ora le condizioni di Franco stanno migliorando ma quel che rimane è lo spavento, enorme.

Secondo le prime ricostruzioni i tre malviventi, evidentemente dei professionisti, si sono introdotti nella abitazione attraverso una finestra del bagno lasciata aperta. I tre, secondo la Polizia due stranieri ed un italiano, molto probabilmente sono riusciti ad arrampicarsi sulla grondaia dell’abitazione e ad entrare senza essere sentiti. L’obiettivo, secondo i primi riscontri delle indagini, sarebbe stato quello di prendere le chiavi della Porche parcheggiata in garage e fuggire appunto col gioiellino automobilistico. Ma qualcosa deve essere andato storto. I tre infatti devono aver fatto alcuni rumori maldestri che hanno svegliato Franco Bastianelli il quale, accortosi della presenza dei tre banditi incappucciati, sembra abbia reagito. In un primo momento i rapinatori lo hanno malmenato e costretto ad aprire la cassetta di sicurezza ma di fronte al rifiuto del senigalliese e alla successiva reazione i tre se ne sono andati con pochi gioielli nelle tasche, un braccialetto ed una catenina. Pochi minuti dopo sul posto è intervenuta una volante della Polizia che, constate le condizioni di Bastianelli, hanno immediatamente chiamato i medici del 118. Il Cavaliere è stato ricoverato all’ospedale di Senigallia con alcune ferite non gravi che lo costringeranno comunque a venti giorni di prognosi. Sul posto poi è intervenuta anche la Polizia Scientifica in cerca di tracce utili alle indagini ma l’utilizzo da parte dei malviventi dei guanti e l’estrema destrezza dei tre, per il momento rendono il lavoro della scientifica difficile.

Le indagini comunque si stanno dirigendo verso il furto reiterato. Stando ad alcune indiscrezioni infatti la banda che martedì ha colpito in via Rieti sarebbe la stessa che nei giorni scorsi ha svaligiato un’altra casa sempre a Senigallia. In questa occasione però il bottino è stato ben più cospicuo dato che i ladri se ne sono andati con mille euro in contati ed un Bmw da 50 mila euro.







Questo è un articolo pubblicato il 11-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 11 settembre 2008 - 10700 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, riccardo silvi, rapina, auto, Franco Bastianelli, via rieti


Tre professionisti?<br />
Agito con destrezza?<br />
mah.........

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

In effetti, il racconto è un po\' confuso.<br />
Prima lo hanno costretto ad aprire. Poi ha rifiutato (una cosa che aveva già fatto??).<br />
<br />
Resta il fatto che per fortuna la rapina non ha avuto conseguenze tragiche.

gallo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

nota casa editrice raffaello editore?!?

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Intrusa

\"Alla fine con se i tre malviventi\"... se, vuole l\'accento

Chi lavora o chi ha figli ha scuola la conosce.<br />
<br />
Fonte Corriere Adriatico del 11-09-2008<br />
\" La Raffaello Editrice è tra le maggiori realtà imprenditoriali di livello nazionale, per quanto riguarda la pubblicazione di libri e supporti mediatici per la scuola. Fondata da Franco Bastianelli, amministratore delegato del Gruppo e dal presidente Renzo Boccadoro, è stata la prima casa editrice a creare un mercato nel settore della scuola dell\'Infanzia, con prodotti didattici fondamentali per la crescita e lo sviluppo del bambino. La casa editrice, dapprima rivolta esclusivamente alla scuola d’infanzia, è divenuta in breve tempo un importante punto di riferimento anche per la scuola primaria, e la scuola secondaria di primo grado, distinguendosi a livello nazionale. Ha inoltre inaugurato una collana di narrativa di successo intitolato “Il mulino a vento” e dato vita a concorsi di narrativa rivolti agli scrittori di storie per bambini, come il famoso Premio Montessori. La stessa casa editrice più di recente si è fatta promotrice di un concorso di poesie, riservato ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado di tutta Italia e intitolato a Valeria Moriconi. Inoltre è tra i principali sostenitori della Lega del Filo d’oro di Osimo. Con l’avvento di Internet e delle nuove tecnologie ha rivolto la propria attenzione verso i prodotti didattici multimediali, tra cui un corso di inglese per i più piccoli. La Raffaello Editrice ha sede a Monte San Vito e opera con tre stabilimenti, di cui due sempre a Monte San Vito e uno a Jesi.<br />

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Off-topic

Michele ma quanti correttori di bozze hai? Tutti geni grammaticali che poi magari non sanno mettere in fila un concetto di vita ma devono riprendere chi esprime la propria opinione liberamente.


Carcere ma quanto mai,siamo veramente stanchi,la legge c\'è ma non funziona.<br />
Bisogna fare funzionare le leggi,è inutile il lavoro delle forze dell\'ordine li prendono e chi è in alto il giorno dopo li mettono fuori,e chi commette reato sa che la pena da scontare realmente non esiste.Non siamo più padroni della nostra vita figuriamoci dei beni che ci appartengono, ci rimane tanta ma tanta rabbia dentro perchè è certo che più si va avanti e più è peggio.<br />

Off-topic

Perche il mio commento non è stato pubblicato, e pure sono registrata, ed oltetutto non è offensivo.<br />
<br />
Grazie

Off-topic

Il giornalista in questione non è un opinionista, non esprime quindi una sua opinione personale, riporta semplicemente un fatto di cronaca. Forse quello che i lettori reclamano è la conoscenza di base della lingua italiana...

Off-topic

Scusa, ma non riesco a capire a quale commento ti riferisci.

Insisto perchè la Redazione si faccia dare i dati dai Carabinieri e Polizia locale sui Furti e Rapine che si sono effettuate in Senigallia e suo Interland, perchè i lettori sappiano che nella nostra Città non è come l\'Amministrazione vuol far credere, Senigallia Città tranquilla, non è vero è una delle tante menzogne che la Giunta continua a dire. Non si è dato seguito alla Legge Maroni-Alfano, perchè è del Governo Berlusconi. Ma a noi che cosa interessa di chi è la Legge, noi vogliamo più Sicurezza e più Forze dell\'Ordine in giro, di giorno e di notte. Sarà sufficiente avere i dati da Maggio 08 ad oggi. Forse la Redazione non vuole pubblicarli? Non vuole disturbare l\'Amministrazione? Noi lettori aspettiamo questi dati! Grazie e saluti. JekMark<br />
Ps: Comunque se non si vedranno soluzioni per la Sicurezza, noi cittadini ci organizzeremmo in Ronde! Daremmo noi una risposta all\'Amministrazione!




logoEV
logoEV