Chester: la contea si lancia nella produzione del vino e organizza il festival della birra

vigneto 5' di lettura Senigallia 08/09/2008 -

CHESTER (REGNO UNITO) — Gli sconfinati vigneti non sono certo un\'immagine che la gente associa facilmente con la campagna inglese, ma le cose stanno iniziando a cambiare grazie ad una donna del Chestershire.



Margaret Bourne e suo marito Micheal hanno deciso di iniziare un proprio vigneto otto anni fa. Le loro 70 vigne si estendono sui sei acri di terreno di loro proprietà e producono circa 50 bottiglie di vino l\'anno.

L\'idea di piantare un vigneto è venuta alla coppia dopo una vacanza in Italia e in Sud Africa. Margaret ha detto: Non potevamo permetterci di comprare un vigneto da quelle parti e così abbiamo deciso di farne uno qui in Inghilterra. Siamo andati da un agricoltore vinicolo dello Staffordshire per imparare le tecniche e ci siamo poi associati alla Mercian Vineyards Association. Sono stati loro a fornirci le prime piante che, però non hanno attecchito e che sono morte dopo pochi mesi\".

Infatti, le terre dello Chestershire erano troppo fangose, non adatte a quel tipo di vite. Ma la signora Bourne non si è persa d\'animo e ha trovato un\'altra soluzione: \"Abbiamo quindi deciso di piantare qualche varietà tedesca\" - ha spiegato - \"ed è stata la mossa vincente\".

I coniugi raccolgono l\'uva in ottobre e poi la trasportano a Loughborough, una cittadina non distante da Londra, dove è trasformata in vino. La coppia ottiene di media 50 bottiglie dalla vendemmia e tutte sono utilizzate in famiglia.

Margaret ha aggiunto: \"Il vino che otteniamo è davvero molto buono ed è ottimo per berlo in famiglia. Inoltre, è davvero molto facile far crescere delle buone viti. Hanno bisogno di un terreno sabbioso, una collina rivolta verso il sole e un po\' d\'aria\".

Margaret e Micheal hanno non sono però gli unici a produrre vino nella zona di Chester. Il Carden Park Hotel, per esempio, è stato uno dei pionieri in questa corsa al vino e ha avviato la sua produzione nel 1990 con circa 15.000 piante. Tuttavia, quando il percorso di golf dell\'hotel si è espanso, alcune delle terre adibite alla coltivazione di uva hanno lasciato posto ai green dell\'impianto di gioco. Con il passare degli anni, la produzione è andata calando fino all\'abbandono. L\'attuale proprietario, Steve Morgan, ha ripreso da poco la produzione: lui e il suo team di produttori vinicoli stanno cercando di ottenere un\'uva adatta alla produzione di un vino bianco frizzante da vendere nei ristoranti.

\"Abbiamo piantato un\'uva mista proveniente dalla Francia e Germania\" - ha spiegato il manager Peter Morgan- \"un Seibel Blanc che è stato importato in Inghilterra intorno al 1950. Questo tipo d\'uva è la migliore per questi climi. Speriamo di riuscire a produrre intorno a 7.000 bottiglie l\'anno\".

Peter ha detto che incoraggia chiunque a provare a piantare e far crescere la propria vigna anche nel Chestershire, contro la tradizione che vuole queste terre poco adatte ai vigneti: \"basta scegliere la giusta varietà e la piantagione sarà un successo\", parola di viticultore.

Ma in Inghilterra, al vino molti preferiscono la birra. E per tutti gli amanti del luppolo, ecco che a Chester, dal 12 al 13 settembre, si terrà un festival dedicato alla birra: l\'\"Autumn Beer Festival\".

Al festival, giunto alla seconda edizione, sarà possibile assaggiare, tra le tante, un\'originale Wobbly Bob o una birra aromatizzata alle spezie. Il successo dello scorso anno ha indotto gli organizzatori a riproporre questa sorta di Oktober Fest made in Chester che utilizza principalmente delle birre prodotte nella zona. La birra scorrerà a fiumi direttamente dalle botti e tra un boccale schiumoso e l\'altro, i presenti potranno anche cimentarsi in tipici giochi da pub, come freccette e biliardo. Inoltre, per chi volesse tentare la fortuna, sarà allestita anche una tombola con ricchi premi. Infine, il sabato sera sarà possibile assistere ad un concerto live.

Per regolare le entrate, i turni sono stati divisi nella seguente maniera: Venerdì 19-23 (prezzo del biglietto 5 sterline, 7 euro circa); Sabato, 12- 16 (4 sterline per l\'ingresso), 19-23 (5 sterline). L\'entrata è garantita solo ai possessori di un biglietto, acquistabile sin da ora presso The Mill Hotel, Milton Street, Old Harkers Arms, Russell Street, Telford\'s Warehouse, Tower Wharf e il Carlton Tavern ad Handbridge.

Per ulteriori informazioni o per ricevere il biglietto a casa, è possibile visitare il sito: www.chestercamra.co.uk.

Tutte le informazioni, i dati e le citazioni sono state prese dagli articolo: \"Having a vine time\"

di Naomi Dunning, Chester Chronicle, 5/09/2008; \"Taste tipples in beer festival\" di David Holmes, Chester Chronicle, 5/09/2008.






Questo è un articolo pubblicato il 08-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 08 settembre 2008 - 2243 letture

In questo articolo si parla di cronaca, chester, isabella agostinelli, vigneto





logoEV
logoEV