Forza Italia appoggia la raccolta firme lanciata dai residenti di via Bari

forza italia 3' di lettura Senigallia 30/08/2008 - L’abbattimento indiscriminato di ben 16 pini in Via Bari,  la brutalità dell’azione con la quale sono stati estirpati, dimostrano ancora una volta la prepotenza e l’atteggiamento antidemocratico di questa amministrazione che non si cura minimamente di intraprendere un serio confronto con i cittadini, tanto meno coinvolgendo la circoscrizione, organo preposto per i consigli di quartiere.

Dopo innumerevoli prove di incapacità amministrativa, pressappochismo totale per la raccolta differenziata, degrado ed abbandono di quartieri, problema sicurezza per i cittadini ed operatori turistici, piano “Cervellati” approvato senza un democratico confronto, debiti economici contratti per la ristrutturazione dell’ex Gil, etc,etc, riteniamo che sia giunto il momento di liquidare questa mala amministrazione.

I comportamenti immotivati ed ingiustificati dell’assessore Mangialardi denotano la mancanza totale di rispetto dei senigalliesi, consuetudine ormai consolidata di una amministrazione ormai giunta alla “frutta”.

Forza Italia ha già informato dell’accaduto il servizio Fitoterapico dell’ente sviluppo ASSAM della Regione Marche , per valutare insieme agli esperti se le motivazioni che hanno portato all’abbattimento degli alberi erano fondate su criteri fitosanitari ed aderisce appieno alla petizione promossa dal Sig. Marco Carnevaletti e dai residenti di Via Bari, contribuendo alla raccolta di firme offrendo la disponibilità della propria sede di Via Nazario Sauro, per tutti coloro che vorranno apporre il loro contributo per evitare ulteriori atti di prepotenza ed arroganza di questa amministrazione.



Testo della petizione:

Il giorno 4 agosto 2008 i cittadini di Via Bari sono stati svegliati dal rumore della motoseghe degli operai del Comune che stavano abbattendo tutti gli alberi presenti ai lati della strada. Una fatto di estrema gravità per le seguenti ragioni:

1) Non era necessario abbattere tutte le piante, visto che il Dottor Agronomo incaricato dal Comune per verificare la salute e la stabilità delle essenze arboree, nella sua perizia, aveva prescritto l’abbattimento di solo 6 alberi su un totale di 16 presenti nella strada.
2) L’amministrazione comunale, che oggi invia ai residenti una tardiva lettera di giustificazione, non ha mai discusso ed aperto un confronto con i residenti sulla possibilità del rifacimento del manto stradale e dell’eventualità dell’abbattimento delle alberature.
3) I cittadini non sono stati nemmeno adeguatamente avvisati che si stavano per effettuare lavori di abbattimento o sistemazione della strada.

Insomma il Comune di Senigallia ha adottato la tecnica del blitz per evitare qualsiasi protesta o osservazione contraria.

Non possiamo accettare questo comportamento! Ed oggi, anche se il danno, totalmente irreparabile, è stato già compiuto, con questa raccolta di firme vogliamo:

1) Esprimere tutto il nostro dissenso e la nostra indignazione per una decisione arbitraria ed ingiustificata, frutto di un atteggiamento autoritario assunto dall’amministrazione comunale.
2) Chiedere all’Amministrazione Comunale di fermare qualsiasi ulteriore azione di taglio di alberature presenti ai lati delle strade urbane ed extraurbane della nostra città.
3) Chiedere che il Comune ogniqualvolta vi sia la necessità di procedere all’abbattimento di alberi, compia una adeguata informazione a tutti i cittadini ed apra un effettivo e reale dibattito per trovare le soluzioni condivise e dal minor impatto ambientale.



Alessandro Cicconi Massi
Niccolò Rossi
Donatella Berardinelli





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 30 agosto 2008 - 7582 letture

In questo articolo si parla di forza italia, politica, Popolo delle Libertà, alberi, via bari





logoEV