Piano Cervellati: piazza Simoncelli e palazzo Gherardi dividono la maggioranza

4' di lettura Senigallia 26/08/2008 -

Inizio stamattina alle 10 il tour de force per l\'approvazione definitiva del piano particolareggiato del centro storico. Un\'adozione che però approda in aula tra le polemiche. E i dissidi dividono anche la maggioranza.



Punti critici del progetto di riqualificazione della città storica, che non mette ancora d\'accordo Verdi e Pd, la ricostruzione del ghetto ebraico in piazza Simoncelli e la vendita di palazzo Gherardi. I Verdi infatti darebbero volentieri il via libera al piano ma il Pd non ha trovato l\'accordo interno al partito. E così l\'unica soluzione praticabile è la via degli emendamenti con cui di fatto si rimette al Consiglio Comunale ogni futura decisione sulle due questioni. \"Su palazzo Gherardi e piazza Simoncelli ci sono numerose riunioni di maggioranza ma il Pd non è riuscito a trovare una sintesi al suo interno e così sono stati concordati degli emendamenti per mitigare la decisione -afferma il portavoce Roberto Primavera- ai Verdi il piano Cervellati piace così com\'è. Su palazzo Gherardi un emendamento stabilisce di rinviare ad un ulteriore passaggio in Consiglio ogni decisione per il cambio di destinazione di edifici pubblici mentre su piazza Simoncelli la questione è più controversa perchè ci sono forti resistenze. Per piazza Simoncelli io non parlerei di ricostruzione del ghetto ma di riedificazione di uno spazio oggi un non-luogo, fatto di degrado e di automobili. Dato che si tratta di un\'area pubblica Cervellati, prevedendo edifici, dà una risposta all\'obiettivo di riportare la residenzialità. Si può pensare ad una edilizia pubblica ed è chiaro che c\'è un rischio speculazione edilizia, ma è altrettanto vero che è compito della politica controllare questi processi. Se poi scavando troviamo un\'area archeologica, tanto meglio\".

\"Il nostro è un gruppo articolato con idee e persone diverse anche se alla fine riusciamo sempre a fare sintesi -ammette il capogruppo Ds Stefano Schiavoni- palazzo Gherardi non è un problema perchè rientra nel contesto più generale del trattamento del patrimonio pubblico. Su piazza Simoncelli invece è vero, ci sono sensibilità diverse e proprio per questo è necessario un ulteriore passaggio in Consiglio Comunale che dovrà essere coinvolto su tutti gli ulteriori passaggi. Esistono due visioni, tra chi è favorevole a lasciare il vuoto urbanistico e chi invece vuole riempirlo. Sull\'argomento servono ulteriori confronti ma questo non deve inficiare il piano Cervellati che deve andare avanti perchè il centro storico ha bisogno di una nuova progettualità\".

Sul piano Cervellati lo stop arriva dall\'opposizione che \"boccia\" il piano anche se diverse sono le posizioni tra Rifondazione e Pdl. \"Il piano è notevolmente cambiato nel corso di questi anni (la presentazione risale al 2003 ndr) perchè sono stati inseriti interventi come quelli su via Rodi, via Baroccio e curva della Penna e che alterano gli equilibri del progetto in favore di una facile edificabilità -sostiene il capogruppo di Rifondazione Roberto Mancini- è cambiato anche il clima politico perchè non ci sono più le garanzie date dall\'ex assessore Lanfranco Bertolini di un\'impostazione attenta agli equilibri del territorio e dell\'ambiente. Su piazza Simoncelli in particolare la nostra proposta è quella di un emendamento per discutere ulteriormente il progetto di riqualificazione sì ma senza edificazioni\". \"Bocciamo il piano sia per una questione metodologica che di contenuti -chiosa il capogruppo del Pdl Alessandro Cicconi Massi- la città non è stata minimamente coinvolta in questi anni nella discussione di un piano segretato e tirato fuori dai cassetti solo negli ultimi mesi. Ora in tutta fretta è stato convocato un consiglio comunale fuori programma ad agosto. Nei contenuti poi non accettiamo gli argomenti fondanti del piano come la ricostruzione del ghetto ebraico o la sopraelevazione dei piani distrutti dal terremoto del \'30 che sono uno specchietto per le allodole per una speculazione edilizia che avviene invece fuori dalle mura del centro con i nuovi insediamenti previsti, ad esempio, all\'ex Nirvana\".






Questo è un articolo pubblicato il 26-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 26 agosto 2008 - 5713 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica, piano cervellati





logoEV