Ripe: rimosso il crocifisso nella sala del consiglio

crocifisso ripe 1' di lettura Senigallia 30/07/2008 - \"Increduli alle voci della “Piazza”, i Consiglieri di Minoranza, in occasione del Consiglio Comunale del 28/07/08, hanno sottoposto al Sindaco Sandrino Grossi un’interpellanza circa la veridicità delle proteste paesane relative alla rimozione del Crocifisso e dell’Immagine Sacra raffigurante la “Madonna del Rosario” normalmente esposti nella sala del Consiglio, per celebrare un matrimonio civile nella giornata del 26 luglio\".

Il sindaco Sandrino Grossi ha candidamente ammesso di aver autonomamente deciso la rimozione delle Immagini Sacre su semplice richiesta degli sposi, senza prendere minimamente in considerazione le sentenze espresse in merito a tali situazioni che suggeriscono comportamenti diametralmente opposti a quelli messi in atto dal Sindaco. Nel rispondere ai Consiglieri di Minoranza ha inoltre puntualizzato “Questa (riferito alla Residenza Municipale) non è una chiesa”.



La cosa più avvilente è stata la mancata reazione da parte dei Consiglieri di Maggioranza, a parte il compiacimento del Consigliere Casagrande Albano Lorenzo ed i sogghigni del Consigliere Mengucci Giacomo che si accingeva ad aggiungere: “La mancata rimozione delle Immagini Sacre ci avrebbe portato 100 o 200 anni indietro nel tempo”, come se il gesto avventato ci avesse proiettato nel futuro.



Ebbene, se questo è il futuro che ci riserva questa Amministrazione Comunale, c’è da auspicarsi che i pochi mesi che ci separano dalla scadenza del mandato passino velocemente e, che a fine mandato, abbiano la consapevolezza di non ricandidarsi perché del loro futuro ne possiamo fare molto volentieri a meno.


da Giliano Bizzarri
capogruppo di minoranza




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 30 luglio 2008 - 7547 letture

In questo articolo si parla di attualità, ripe, Giliano Bizzarri