III Critical Mass contro la Complanare

2' di lettura Senigallia 28/07/2008 -

Una marea di biciclette ha invaso le vie del centro ed è arrivata fino a Borgo Ribeca, quartiere più toccato dai progetti della Complanare. Il III Critical Mass, non ha solo riproposto la bicicletta come mezzo di locomozione non inquinante, ma ha anche protestato attivamente contro l’allargamento dell’autostrada a otto corsie.



Raduno in piazza Roma, ore 18.30. I membri del Movimento Lento Ciclabile, indossano tutti una maglietta ‘fatta in casa’ con la scritta “Comitato versus la complanare, e non solo”. Dopo le foto di rito, tutti in sella. C’è un po’ di indecisione sul percorso, ma tutti si incanalano ordinati nel traffico cittadino.

Tanti campanelli suonano amichevoli ai passanti che guardano stupiti. Piano pianino, i ciclisti arrivano a Borgo Mulino, e li si incita la gente a protestare contro la Complanare, visto che il quartiere è sorto proprio vicinissimo all’autostrada.

Altro quartiere toccato è Borgo Ribeca. Li spiccano dalle case un sacco di lenzuola con scritte azzurre che motteggiano contro il progetto della Complanare. Proprio a Borgo Ribeca, il gruppo si ferma quasi sopra al cavalcavia, per una dimostrazione in diretta dell’inquinamento acustico dell’autostrada.

Vengono poi ricordati i prossimi appuntamenti: mercoledì alle ore 21 al bocciodromo della Cesanella ci sarà una riunione del Comitato Versus Complanare, e viene annunciato un picchetto sotto il comune per protesta.

Passato il momento di riflessione, si ritorna in sella, e il gruppo si dirige verso il mare. Qui gente si mischia alle biciclette, qualche pedone rischia di essere preso sotto, ma tutto fila liscio. La biciclettata si conclude poi con il ritorno in città.

Interessante la proposta del Critical Mass della creazione di una Zona 30. Introdurre una “Zone30” significa creare un ambiente stradale in cui sia possibile la coesistenza pacifica di tutti gli utenti stradali, limitando la velocità a 30 km/h a partire da singole vie residenziali. Le statistiche indicano che nelle zone30 il numero degli incidenti si riduce del 40%, con inoltre una notevole riduzione del consumo di carburante e di emissioni inquinanti.








Questo è un articolo pubblicato il 28-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 28 luglio 2008 - 5880 letture

In questo articolo si parla di complanare, giulia angeletti, biciclette


Lodevole l\'iniziativa del critical mass di istituire una zona 30, ma non capisco la loro opposizione alla complanare che sposterebbe gran parte del traffico fuori da centro e quartieri residenziali, liberando di fatto Senigallia dalla morsa del traffico e restituendo la città a noi, veri ciclisti. Bisogna dare un\'occhiata al progetto prima di criticare, a me che uso la bicicletta per il 90% degli spostamente e per la totalità degli spostamenti urbani porterà solo vantaggi. Degli automobilisti sinceramente mi importa poco..

il fatto che una \'\'delegazione\'\' della No-Complanare abbia partecipato non significa che il meetup o il MLCS sia, nel complesso, contro-complanare.<br />
Il critical mass è un\'iniziativa apolitca che ha uno scopo, la sensibilizzazione all\'uso delle due ruote contro il traffico ottuso e inquinante, le proteste alla complanare sono state un\'aggiunta di alcuni partecipanti NON l\'animo della manifestazione.<br />
<br />
Segnalo altri scatti dal 3° critical mass senigalliese visibili qui: http://beppegrillo.meetup.com/294/photos/405090/<br />
del sempre ottimo Andrea C.

perchè almeno io considero Borgo Ribeca e pure Borgo Catena ed anche la Cesanella quartieri residenziali ed ugualmente centro<br />
<br />
la complanare così pare fatta apposta solo per farla pagare alle Autostrade, bisogna spostare la statale

Probabilmente le merci in transito con i Tir che attraversano senigallia le porteranno a pezzettini in bicicletta...<br />
<br />
Come si fa a dire che sono iniziative apolitiche??<br />
Se verrà fatta questa complanare ed i lavori inizieranno come promesso nel 2009 quella gente secondo voi voterà nel 2010 i seguaci della Angeloni??? Se invece il progetto fosse annullato, vuoi vedere che gran ritorno elettorale avrebbe l\'attuale parte politica da chi dipinge quei lenzuoli...???<br />
<br />
I pareri sono contrastanti perchè non c\'è chiarezza da ogni parte nemmeno nelle ciclo-passeggiate...<br />
<br />
Erano allora più belle le \"pedalate per la vita\" che si organizzavano all\'inizio dell\'estate per opera di qualche VIP...almeno lì veramente non c\'era la politica di mezzo e si finiva solo in allegria con un pranzo al ristorante (credo)...<br />
<br />
stanco in vacanza a senigallia<br />
(per chi ancora non lo sapesse ex-ciclista agonistico) <br />

Forse quello che non ha mai visto il progetto sei tu.<br />
baste dargli un\'occhiata per capire che un bambino di 5 anni è in grado di fare molto ma molto di meglio.<br />
<br />
Anche se ci volesse una complanare questo progetto è un insulto. <br />
scaricati il progetto

Chi è stanco si riposi, ché la stanchezza limita la lucidità di giudizio.<br />
<br />
Il Critical Mass è un\'iniziativa apolitica di sensibilizzazione sulle potenzialità della bicicletta come mezzo di trasporto da non criminalizzare ma amare e usare.<br />
<br />
La complanare è altra cosa, non mi dilungo, ma semplicemente è un\'altra questione, dare etichette politiche è errato e ingiusto, sarebbe come dire che bere il caffé ha un certo colore politico, che c\'entra? <br />
Al critical mass viene chi ci tiene ai polmoni (e quindi fa la protesta), ha buone gambe e voglia di vedere la propria città in compagnia. Stop.<br />
Se uno non è daccordo non viene. Ma non imbrigliare ciò che non si conosce con la prima etichetta che vi vien in mente è facile e disonesto qualunquismo.<br />
Lo dice uno che ha partecipato.<br />
<br />
Cittadino senigalliese<br />
(per chi non lo sapesse pensatore agonistico NON a riposo né stanco) :-))<br />

Mi spiace deluderti ma il progetto l\'ho letto tutto e prima che lo mettessero online quelli del mezza canaja.<br />
Certo non è perfetto ed avrà bisogno di modifiche (vedi alcuni svincoli o le ridicole barriere frangisuono), ma penso sia assolutamente necessario.<br />
Credo che abbia un senso opporsi solo se si è proprietari delle terre da espropiare, residenti vicino ai previsti cantieri o automobilisti incalliti. Io ho solo detto la mia: abito in centro, uso solo bici e non possiedo i terreni richiesti...<br />