III Critical Mass contro la Complanare

2' di lettura Senigallia 28/07/2008 -

Una marea di biciclette ha invaso le vie del centro ed è arrivata fino a Borgo Ribeca, quartiere più toccato dai progetti della Complanare. Il III Critical Mass, non ha solo riproposto la bicicletta come mezzo di locomozione non inquinante, ma ha anche protestato attivamente contro l’allargamento dell’autostrada a otto corsie.



Raduno in piazza Roma, ore 18.30. I membri del Movimento Lento Ciclabile, indossano tutti una maglietta ‘fatta in casa’ con la scritta “Comitato versus la complanare, e non solo”. Dopo le foto di rito, tutti in sella. C’è un po’ di indecisione sul percorso, ma tutti si incanalano ordinati nel traffico cittadino.

Tanti campanelli suonano amichevoli ai passanti che guardano stupiti. Piano pianino, i ciclisti arrivano a Borgo Mulino, e li si incita la gente a protestare contro la Complanare, visto che il quartiere è sorto proprio vicinissimo all’autostrada.

Altro quartiere toccato è Borgo Ribeca. Li spiccano dalle case un sacco di lenzuola con scritte azzurre che motteggiano contro il progetto della Complanare. Proprio a Borgo Ribeca, il gruppo si ferma quasi sopra al cavalcavia, per una dimostrazione in diretta dell’inquinamento acustico dell’autostrada.

Vengono poi ricordati i prossimi appuntamenti: mercoledì alle ore 21 al bocciodromo della Cesanella ci sarà una riunione del Comitato Versus Complanare, e viene annunciato un picchetto sotto il comune per protesta.

Passato il momento di riflessione, si ritorna in sella, e il gruppo si dirige verso il mare. Qui gente si mischia alle biciclette, qualche pedone rischia di essere preso sotto, ma tutto fila liscio. La biciclettata si conclude poi con il ritorno in città.

Interessante la proposta del Critical Mass della creazione di una Zona 30. Introdurre una “Zone30” significa creare un ambiente stradale in cui sia possibile la coesistenza pacifica di tutti gli utenti stradali, limitando la velocità a 30 km/h a partire da singole vie residenziali. Le statistiche indicano che nelle zone30 il numero degli incidenti si riduce del 40%, con inoltre una notevole riduzione del consumo di carburante e di emissioni inquinanti.








Questo è un articolo pubblicato il 28-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 28 luglio 2008 - 5880 letture

In questo articolo si parla di complanare, giulia angeletti, biciclette





logoEV