Rifiuti: è scontro aperto tra sindacati, Cir33 e l\'Ati

rifiuti 2' di lettura Senigallia 13/07/2008 - Il vertice di venerdì scorso tra Cgil e Cisl e il Cir33, il consorzio che gestisce la raccolta della differenziata e che ha affidato in appalto il servizio ad una associazione temporanea di imprese, ha scaldato ancora di più gli animi con i sindacati sul piede di guerra. Sul tavolo del confronto il mancato pagamento di almeno due mensilità da parte della Lucente (una delle imprese dell\'Ati) ai propri dipendenti.

Dopo lo sciopero di martedì, che ha provocato notevoli disagi e disservizi, nulla è cambiato. I lavoratori non hanno ottenuto alcuna rassicurazione sul pagamento e si sentono senza tutela. Dal 15 luglio al 31 agosto non possono scioperare (per il divieto nelle città a vocazione turistica per i servizi di pubblica utilità) e sono costretti a continuare a lavorare, con turni serrati, pur sapendo che non saranno pagati.


Abbiamo deciso di mettere in campo azioni eclatanti per manifestare tutta l\'assurdità di questa situazione -chiosa Stefano Ovani della Cgil Pesaro- e visto che non è possibile ricorrere allo sciopero, martedì pomeriggio faremo un sit-in di protesta davanti alla sede della Lucente, a Bellocchi di Fano”. Nell\'incontro con il presidente del Cir33 i sindacati hanno chiesto l\'immediato pagamento delle mensilità arretrate o almeno un acconto. Ma la situazione è più complicata del previsto.



Il Cir33, come consorzio che gestisce la raccolta dei rifiuti, ci ha detto che ha come referente unico la capofila dell\'Ati e quindi la Manutencoop -riferisce Ovani- e che quindi non può fare altro che sollecitare ripetutamente l\'impresa ad adempiere ai propri compiti. La Manutencoop, dal canto suo, non può farsi carico del mancato pagamento degli stipendi della Lucente. La capofila si è detta però disponibile ad assumere il personale della Lucente ma per farlo è necessario che sia l\'impresa a liberare i propri dipendenti. Insomma, la situazione è un circolo vizioso, nessuno si vuole assumere le proprie responsabilità e chi ci rimette sono i lavoratori e i cittadini. Stando così le cose c\'è da aspettarsi un\'estate di disservizi continui per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 14 luglio 2008 - 3491 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli