contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Castelleone: incontro con lo scrittore Alfio Perelli

2' di lettura
2013
da Umberto Martinelli

alfio perelli
Venerdì 11 luglio, alle 21, lo scrittore arceviese Alfio Perelli (da anni operante nella capitale) parlerà di sé e del proprio cammino spirituale a Castelleone di Suasa, ospite del Teatro Parrocchiale.

L’autore ripercorrerà l’iter delle sue ultime fatiche letterarie e di quelli che definisce i suoi “libretti”: creature agili, fruibili, discorsive. Verranno focalizzate, in particolare, due pubblicazioni: “La religione e le religioni”, “Pensieri e riflessioni”. Ovvero: “...un modesto contributo...per dare l’opportunità a chi legge di ‘ricordare’ le cose sagge già dette dagli altri....” Il ricco pentagramma svelerà le varie facce della poliedrica personalità dlel’intellettuale: fondatore di scuole e maestro in Africa, volontario nel carcere romano di Rebibbia, teologo, professore, poliglotta (diplomato alla Cambridge University). Si giocherà anche d’anticipo (nuovi lavori di Perelli stanno per essere pubblicati).


Introdurranno il parroco don Paolo Montesi ed il sindaco castelleonese Giovanni Biagetti. Fungerà da coordinatrice la professoressa Anna Terenzi (presidentessa dell’associazione culturale Ager Gallicus di Montefortino). Tra i recensori delle opere di Perelli ci piace citare il primo cittadino arceviese Silvio Purgatori, che vede nella divulgazione dei lavori letterari del nostro Alfio un significativo impulso promozionale al territorio (spesso pennellato ed evocato nella sua suggestione). Non meno importante, scomodando Freud, la sollecitazione alla costante riflessione, che deve essere più forte della “pesantezza dei pensieri”, spesso per questo banditi dalla mente e dalla stessa coscienza umana. L’intellettuale romano di adozione (nativo di Loretello, al cui castello ed ai cui musei, da lui creati, è ritornato in questi giorni) opera sempre sollecitando sé e gli altri allo sforzo della conoscenza, del confronto e dell’apertura degli occhi sulla vita e sul mondo, sulle loro radici e sul loro fine ultimo.


In Perelli, “...lacrime di poesia in un piccolo mare di saggezza” ha trovato Maria Pia Garavaglia (parlamentare già vicesindaco di Roma) a cui ha fatto eco condivisa monsignor Elio Sgreccia, autorevole voce della Pontificia Academia Pro Vita. Sulle assi del palco castelleonese sarà gioco di squadra... anomalo: ognuno farà il battitore libero, dissentendo e puntualizzando dialetticamente. Sui punti fermi non si transigerà (la vita ed il diritto alla vita, l’intoccabilità della persona e della sua dignità, l’elasticità mentale, la cultura).



alfio perelli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 10 luglio 2008 - 2013 letture