Caterraduno: grande concerto delle Stazioni Lunari

2' di lettura Senigallia 13/06/2008 - \"Gia\' l\'anno scorso avevamo avuto il piacere di avere qui con noi le Stazioni Lunari, quest\'anno li abbiamo rivoluti fortemente\" cosi\' Solibello presenta il concerto che si e\' tenuto ieri sera al Foro, che ha visto sul palco artisti della statura di Piero Pelu\', Enzo Avitabile, Ginevra Di Marco e Teresa de Sio.


Abbiamo qui il meglio della musica italiana in un conglomerato che e’ sempre uguale pur cambiando continuamente. Sto parlando come Cacciari, ma il fatto che non so cosa sto dicendo e’ secondario”. Eppure Cirri ha inquadrato bene cos’e’ Stazioni Lunari.

Stazioni Lunari nasce da un’idea di Francesco Magnelli, presente anche lui sul palco alle tastiere. Sul palco quattro stazioni, quattro stanze disegnate con legno e luce, contenenti gli ospiti del concerto. Ogni musicista, dalla propria stanza, può liberamente interagire con cio’ che sta succedendo intorno a lui, si puo’ intrufolare nelle canzoni degli altri, e renderle originali.

E’ un progetto fra teatro e musica dove Ginevra Di Marco, unico elemento in movimento da una stazione all’altra, determina successioni e movimenti e favorisce incontri e commistioni fra i diversi stili musicali.

C’e’ Enzo Avitabile, con i suoi fiati. Il suo sassofono, spesso irriverente, si inserisce ovunque con la sua voce acuta. Teresa De Sio, e la sua chitarra, e l’acclamatissimo Piero Pelu’. Ospiti d’eccezione due cornamuse, che ogni tanto fanno la loro comparsa sul palco con il loro suono nasale.

Concerto veramente imponente, con sonorita’ che fanno tremare la piazza. A gran voce il pubblico chiede il bis, che viene concesso volentieri. E la musica continua ancora per parecchio.












Questo è un articolo pubblicato il 13-06-2008 alle 01:01 sul giornale del 13 giugno 2008 - 3313 letture

In questo articolo si parla di cultura, giulia angeletti


Anonimo

SEMPLICEMENTE SPETTACOLARI !!!