statistiche accessi

La famiglia di Francesco ringrazia con una poesia

francesco gresta 1' di lettura Senigallia 28/04/2008 -

Il dolore per la morte del giovane Francesco Gresta è stato immenso, ma altrettanto forte è stata la partecipazione, di tutti, al lutto.

I genitori e la sorella ringraziano con una lettera aperta.



Impossibilitati a farlo personalmente per l\'imponente partecipazione al nostro dolore ringraziamo:

* tutti coloro che hanno dato l’opportunità a Francesco di dimostrare nel corso della sua breve vita, il proprio vero valore umano e tutte le sue capacità,

* tutti coloro che lo hanno aiutato nella crescita morale nel rispetto degli amici e del prossimo,

* tutti coloro che lo hanno stimato radicando, così, in lui la gioia di vivere che sapeva trasmettere a tutti, soprattutto a noi,

* tutti coloro che ci sono stati vicini in questi giorni difficili, dimostrando il loro affetto, con la presenza, con il pensiero, con la preghiera, con messaggi e citazioni, con testimonianze sulla vita di Francesco, con fiori, manifesti ed offerte.

* tutti i sacerdoti e quanti altri hanno collaborato al rito funebre.

* In particolare ringraziamo tutti gli amici, i ragazzi dell’oratorio, dello sport, della scuola che si sono stretti a noi ed a lui in modo commovente.

Come riflessione citiamo i versi scritti, in questa particolare occasione, per lui, da Lucia Porfiri:

... non aver paura di dormire e neanche di sognare, di quello che potevi essere, di quello che – di più – sei adesso. Da quaggiù ti cullino le nostre tenere nenie\".





Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 28 aprile 2008 - 4874 letture

In questo articolo si parla di corinaldo, francesco gresta