La Piaga di Velluto: premio \'Mattonata in Fronte\', prima edizione

4' di lettura Senigallia 23/04/2008 - E\' tempo di elezioni e questa volta non ci sono candidati imposti. Nasce il premio Mattonata in Fronte, dedicato alle peggiori espressioni dell\'industria edilizia, palazzine nocive alla vista che potete nobilitare assegnandogli l\'Oscar della bruttezza e del disturbo della quiete pubblica. Cogliete in pieno la possibilità di essere utili alla vostra città: le vostre segnalazioni e i vostri voti potrebbero condurre qualche progettista sulla via del pentimento e della redenzione o all\'abbandono della professione, nel nome di una città più bella. O meno inquietante.

La prima segnalazione l\'ho curata personalmente e rappresenta un valore affettivo: il mio primo intervento su Vivere Senigallia riguardava una villetta in via Verdi che è stata demolita due anni fa, trasformandosi in un elemento di disturbo per la vista.

Una Biancaneve che è divenuta Grimilde, passando per Mazinga. Progettata da un agronomo forestale in pensione, la palazzina proposta ospita sei appartamenti che possono diventare otto coprendo adeguatamente i balconi che la circondano, costruiti in solido laterizio antimissile. Sul tetto della palazzina fa bella mostra di sè un tempietto neoclassico con effige della dea Betoniera, donna solida e dalle ampie spalle, protettrice di tutte le opere in cemento armato.


La palazzina è già in regola con le severe norme europee sulla visibilità degli edifici e i test effettuati dai satelliti geostazionari hanno dato risultati positivi. Il robusto muro di cinta in cemento armato, quasi una novità assoluta per la zona di via Verdi, contribuisce alla sicurezza degli inquilini del piano terra contro le collisioni da traffico, a scapito di quella dei pedoni, che, in assenza del marciapiede, rischiano di essere spalmati contro il muro dalle auto in transito, costringendo i proprietari a frequenti raschiature e tinteggiature, con tutte le difficoltà legate al reperimento di quei colori sul libero mercato.


Anche l\'indice di edificabilità di 0,86 mq/mq è stato rispettato: la modesta corte che aveva l\'edificio originario è scomparsa, per far posto all\'aumento di cubatura, lasciando posti auto e parcheggi nelle viscere della terra, per non deturpare l\'estetica dell\'edificio con banali automobili che nessuno usa. Questo in teoria, nella pratica nei garage ci finiranno gli orpelli e le auto saranno parcheggiate su ogni piano orizzontale pubblico disponibile.

La mia segnalazione è incompleta: non riporterò l\'indirizzo della palazzina candidata, ma se percorrendo via Verdi doveste sentire una fitta dolorosa, non pensate a un\'ernia da cintura di sicurezza o da pedale, ma sappiate che siete di fronte all\'Opera.


Io ho fatto la mia parte con una modesta segnalazione, ma ora tocca a voi: con la vostra macchina fotografica mettete all\'indice le cataste di mattoni abitabili che trovate in città, contribuite al decoro urbano con una civile delazione, perchè se rumore e polveri sottili sono dannosi per la salute, anche un cazzotto in un occhio non scherza.
Nell\'avanzare le vostre proposte tenete ben presente l\'Opera che candidate e il contesto in cui si trova. Urbanistica e architettura non devono inseguire la semplice bellezza o l\'innovazione: troppo facile, anche la casa più bella del mondo costruita su uno spartitraffico rischia di sembrare un cesso.

Le foto segnaletiche potranno essere inviate per email (o anche in forma cartacea se siete rimasti nel \'900) presso la redazione di Vivere Senigallia o presso La Piaga di Velluto, assieme ad una descrizione dei sintomi di disturbo che vi ha creato l\'Opera. E\' necessario che sull\'oggetto dell\'email specifichiate \"segnalazione Premio Mattonata in Fronte\": eviterete il rischio che quelli di Vivere Immobiliare mettano in vendita la palazzina.


Se non avete la macchina fotografica o il vostro disturbo si chiama pigrizia, potete segnalare l\'indirizzo dell\'insano manufatto, che verrà raggiunto e immortalato dalla redazione. La commissione del concorso si occuperà di recensire l\'Opera, evidenziandone le peculiarità e di creare un catalogo delle opere meritevoli, da sottoporre al sondaggio dei lettori. L\'Opera che risulterà vincitrice avrà l\'onore di una recensione stilata da un professionista, uno di quelli bravi, uno di quelli rimasti senza lavoro da quando si è scoperto che le case stanno in piedi anche se non lo meriterebbero.


Indirizzi email per le segnalazioni: Vivere Senigallia - La Piaga di Velluto








Questo è un articolo pubblicato il 23-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 23 aprile 2008 - 13043 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbanistica, edilizia, la piaga di velluto, satira, via verdi

Leggi gli altri articoli della rubrica lapiagadivelluto


...poi dopo si potrebbe istituire il premio \"casa d\'oro\", alla migliore costruzione presente in città: è ugualmente giusto riconoscere chi fa belle cose.

Ho appena mandato una segnalazione... <br />
<br />
Per Daniele Sole: le belle case dovrebbero essere la regola, non qualcosa da premiare. Ovviamente, se chi dà le licenze avesse quel minimo di cultura per il bello che sempre dovrebbe connotare chi determina le caratteristiche del paesaggio. Però, oltre alle costruzioni, a giudicare dall\'arredo delle aiuole e rotatorie, e dalle tecniche di potature degli alberi direi che più che il gusto per il bello tra i nostri amministratori imperversa il gusto per il porno. Sarà l\'eta?<br />
<br />
Ciao.<br />

biondo

Purtroppo le segnalazioni da fare sono tante. <br />
Vediamo chi indovina l\'edificio che ho in mente io<br />
- è in una zona centrale delle città<br />
- è molto più alto degli edifici circostanti<br />
- qualcuno ha avuto la brillante idea di dipingerlo grigio e viola (viola!!)<br />
- è circondato da un elegante pavimentazione in pregiato linoleum <br />
<br />
Dai che non è difficile...<br />

Aggiungo un particolare: sarebbe troppo chiedere che le case fossero anche pitturate, prima di concedere l\'abitabilità, e magari non rosa fucsia o giallo telegramma? <br />
Detto questo, le case dovrebbero essere belle di default, è vero, ma ci accontenteremmo anche se fossero di decenti, molte volte. Bravo Piaga, mi piaci sempre di più, metto in carica la macchinetta ed esco.


riguardo al rosa fucsia e al giallo telegramma ho appena ricevuto una segnalazione per delle case a schiera a Ponte Rio, le ammettiamo al concorso con la wild card...

Brenno

Per fare un\'altra segnalazione basterebbe guardare la casa a fianco (visibile, poco, nelle foto 1 e 3). Probabilmente chi ha disegnato il bunker in questione si è sentito autorizzato a fare questa bruttura ed ha voluto superare la bruttura accanto (che il marciapiede ce l\'ha ma è inutilizzabile per quanto è stretto).<br />
<br />
Venendo al piano generale, c\'è un grosso problema di fondo, che va oltre l\'estetica. La Piaga scriveva qualche giorno fa che si sono fatte le case senza le strade.<br />
<br />
Qui si fanno le case senza neanche i marciapiedi!!!<br />
<br />
E questo è più assurdo di tutto. Si possono fare tutte le sfilate del mondo in bicicletta (vedi movimento lento ciclabile), ma se poi non si fanno neanche i marciapiedi la gente non può che prendere l\'auto, è una questione di sopravvivenza agli investimenti (purtroppo sempre più frequenti).<br />
<br />
Quello che non capisco, dunque, è perché nessuno, né i Senigalliesi, tantomeno i nostri politici si prenda minimanente cura del bene generale.<br />
Basterebbe imporre nei piani regolatori che debbono esserci i marciapiedi (non di 30cm) e lo spazio per le strade, ma forse i nostri speculatori guadagnerebbero troppo poco.<br />
<br />
PS Casualmente, mi ero informato sui prezzi di quella palazzina. Stellari.<br />
A loro i guadagni, ai nostri anziani (che ce ne sono tanti che transitano ogni giorno in via Verdi) i rischi.<br />

Ricordo com\'era \"strano\" il rosa della facciata del Palazzo Ducale, ma poi con gli anni s\'è stemperato (tutti i colori lo fanno) diventando accettabile .... poi i gusti sono gusti.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Mi spiace se sono sempre fuori coro, ma i colori anche se fanno schifo non sono un problema, solo un cattivo gusto...<br />
<br />
I problemi sono sempre i soliti:<br />
400/600 EUR d\'affitto a Senigallia (ieri ero a Roma in piazza Navona, affittavano un appartamento di 50mq. per 800 EUR), 8000 case inutilizzate almeno 9 mesi l\'anno, 8-10 milioni di EUR (o forse più) di evasione fiscale per affitti in nero specie estivi, piani urbanistici non chiari, o errati, o di convenienza, ancora assenza di politiche residenziali popolari, edifici e aree abbandonate da 30 anni o oltre con pericolo crolli in pieno centro storico e non solo, incentivi (tipo quello attuale per le giovani coppie nei comuni AN-PS) ottenibili con la stessa facilità di vincere il superenalotto (visionare le condizioni)....<br />
<br />
Ma perchè questi temi non vengono mai trattati?? Sono mesi e mesi che li denuncio. Perchè per esempio nessuno parla mai dell\'evasione fiscale concernente?? <br />
Perchè si scopre che 1 persona su 2/3 ha una casa in affitto a Senigallia...Quale contadino si darebbe mai la zappa sulle gambe??<br />
<br />
Insomma chi non è proprietario di casa in Italia (una minoranza) e non ha possibilità economiche è e sarà destinato sempre a sopravvivere (finchè ci riuscirà)... <br />
Altro che colori fucsia o giallo telegramma...<br />
<br />
Stanco in vacanza a Senigallia

Vorrei segnalare quell\'edificio tra la Stazione ferroviaria e Piazza del Duca, di gusto retrò, immenso, con tutto quell\'inutile prato d\'intorno, mi pare si chiami la Rocca Roveresca, e pensare che al suo posto si potevano erigere 700 mini appartamenti....................e poi quelle finestre così piccole...

...dimenticavo... Quell\'affare in legno parquet che hanno costruito al campo Boario vicino alla mutua ha avuto il permesso dopo una notte di sbronze e coca dell\'addetto municipale? E chi ha comprato la casa colà, ha pagato oppure riceve un sostanzioso vitalizio dal costruttore?


si possono avanzare segnalazioni, non c\'è problema, l\'importante è tenere presente sempre il contesto, il \"tessuto\": anche un gioiello incastonato nel letame perde valore


il Senbhotel è fuori categoria...

Anche io sono stato a Roma questo weekend.<br />
I prezzi che ho visto, nella bacheca di un\'agenzia vicino a piazza di Spagna, erano completamente diversi: fino a 14.000 euro al mese. Niente al di sotto dei 1500 euro mensili.

L\'entroterra vale? Vorrei segnalare l\'attuale sede della Pubblica Assistenza di Corinaldo. Un semi edificio in cemento appoggiato alle splendide mure. Speriamo che la nuova sede finisca presto perchè quel piccolo mostro di cemento rovina veramente tutto il giro di mura che fra lo splendido arco al ritrovato teatro è spezzato dal cemento della sede Avis.




logoEV
logoEV