statistiche accessi

Raccolta differenziata sul lungomare, la protesta dei baretti

maurizio mangialardi 3' di lettura Senigallia 22/04/2008 - La differenziata sul lungomare preoccupa gli esercenti, ma Mangialardi si dice ottimista. Il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti che da qualche mese ha sostituito il vecchio sistema indifferenziato oltre a scatenare le polemiche in centro crea problemi anche sul litorale.

Con la stagione estiva alle porte infatti i maggiori baristi e ristoratori del lungomare partono con le lamentele chiedendo ad una sola voce più aiuti da parte del Comune. Il primo a sollevare il problema è stato Maurizio Bacolini, gestore del Bar Tatiana che, fresco di inaugurazione sabato scorso si è detto preoccupato. \"Innanzitutto il primo problema è dove mettere i bidoni-ha sottolineato-. Questo nuovo sistema di smaltimento dei rifiuti secondo il mio parere non va affatto bene sul lungo mare. Non che sia contrario alla differenziata ma sul litorale non serve. Lavoriamo due giorni a settimana per tre mesi all\'anno, non credo fosse una necessità così grande. Ma non finisce qui. Il secondo problema sono i tempi di raccolta. Se l\'azienda che raccogliere i rifiuti non passa la domenica sono guai.\"


Il Bar Tatiana non è l\'unico a dover combattere con la differenziata. \"Tutto il nuovo sistema di raccolta è stato fatto all\'acqua di rose -tuona Luca Meggiorin del Saltatappo Bollicine-. Innanzitutto non abbiamo la più pallida idea di dove poter mettere i bidoni. Sono grandi e non abbiamo lo spazio. Ma non siamo solo noi. Il comune deve darci una mano a fare la differenziata. Come progetto è più che lodevole ma deve essere fatto con un certo criterio, a partire dai tempi di raccolta.” Meggiorin inoltre propone una soluzione alla mancanza di spazio. \"Perché non individuare delle aree attrezzate con dei bidoni comuni anche sul lungomare? Risolverebbero molti problemi.\"


Una proposta ben accolta anche da Sauro Veschi titolare del Bar Claudio. \"Il problema dello spazio è senza dubbio importante e l\'idea di alcune aree create apposta con dei bidoni comuni è l\'ideale. Al momento mi sono ritagliato uno spazio dietro il locale per tutti i bidoni. Inoltre la sera devo mettere i miei bidoni sul marciapiede, dove camminano le persone in modo da agevolare la raccolta ma sono sicuro che quest\'estate, soprattutto a notte tarda, qualcuno li danneggerà.”


Ma l\'assessore alle infrastrutture Mauruizo Mangialardi tranquillizza tutti. “La raccolta differenziata è e sarà in futuro una delle eccellenza della nostra città e come tale va fatta. Sappiamo che ci sono delle problematiche e stiamo lavorando giorno e notte per risolverle. Assieme alle associazioni di categoria abbiamo firmato un protocollo d\'intesa per quanto riguarda il centro storico e sul lungomare è solo questione di tempo. Le proposte arriveranno da commercianti ed esercenti.” Secondo l\'assessore infatti, il tempo di rodaggio che è servito a tutti i cittadini per comprendere l\'importanza della raccolta differenziata e soprattutto per apprendere le regole è indispensabile anche per i commercianti della spiaggia. Insomma è solo una questione di tempo. “Le isole ecologiche in comune? Sul lungomare è diverso, non è una zona circostanziata, sono 14 chilometri di costa. Sappiamo che il nuovo sistema di smaltimento dei rifiuti è un passaggio delicato ma non torneremo indietro.






Questo è un articolo pubblicato il 22-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 22 aprile 2008 - 3077 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, riccardo silvi





logoEV
logoEV