contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CRONACA
articolo

La giovane suicida alla stazione sarà sepolta in Bangladesh

2' di lettura
1639

stazione
E\' il Bangladesh, sua patria, la terra dove sarà seppellita Lilya Mosammat Akter, la 23enne che giovedì scorso si è tolta la vita gettandosi sotto un treno alla stazione di Senigallia con in braccio il figlioletto di un anno e mezzo, miracolosamente salvatosi.

La salma di Lilya sarà così rimpatriata e, se tutte le pratiche burocratiche saranno esperite nei prossimi giorni, la partenza del feretro è fissata per domenica prossima. Da Roma la salma partirà, in areo, alla volta del Bangladesh. Nei prossimi giorni, con ogni probabilità presso l\'obitorio dell\'ospedale di Senigallia dove il cadavere è stato trasportato subito dopo l\'incidente, si terrà anche un momento di preghiera intorno al feretro di Lilya secondo quanto previsto dalla religione musulmana. La decisione è stata presa dal marito della vittima, Ilyas, 33 anni, operai presso una ditta che lavora la plastica di Corinaldo ma residente insieme alla moglie e al piccolo Iban a Ripe, sostenuto in queste ore più che mai da tutta la nutrita comunità del Bangladesh.


\"Sono scioccato e distrutto -riferisce Ilyas- scusatemi ma non riesco a parlare di quanto accaduto\". Sono le poche parole che il padre di Iban, scampato miracolosamente al suicidio della madre e che si trova ora ricoverato all\'ospedale pediatrico Salesi di Ancona, riesce a dire. Da giovedì notte infatti, dopo che aveva appreso solo nel tardo pomeriggio la tragedia accaduta, Ilyas è accanto al figlioletto che è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per la ricostruzione della mano e dell\'avambraccio destro. Forse il piccolo tra qualche settimana potrebbe essere sottoposto anche ad un secondo intervento chirurgico.


\"Siamo tutti vicini a Ilyas per la tragedia che lo ha colpito così inaspettatamente e insieme a lui facciamo il tifo per il piccolo Iban -dice consigliere straniero aggiunto Abdur Kaium, portavoce della comunità del Bangladesh- siamo tutti sconvolti per quanto accaduto. Una cosa del genere non era mai accaduta ad un nostro connazionale\".



stazione

Questo è un articolo pubblicato il 14-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 14 aprile 2008 - 1639 letture