Ostra Vetere: le mani d’artista di Marco Campolucci conquistano Sanremo

1' di lettura 08/04/2008 - Le mani d\'oro di questo ragazzo, ostraveterano doc e \"figlio d\'arte\" del babbo Nando, per il quarto anno consecutivo sono state il \"tocco magico\", simbolo della creatività marchigiana esportata fino al palcoscenico più importante, quello del festival di Sanremo che, ricordiamo, tra gli altri, ha lanciato nel mondo musicale artisti del calibro di Bocelli, Ramazzotti, Vasco Rossi … e potremmo continuare per chissà quanto.

Esperienza unica ed entusiasmante, mi dice Marco, che mi onoro di conoscere da tanti anni, ambiente esclusivo ma simpatia imperante in ogni dove, a cominciare dall\'eclettico Chiambretti, ai musicisti, agli addetti ai lavori, e via via fino ai cantautori a cui, ci dice adducendo anche un po\' di meritata soddisfazione, porto anche fortuna avendo preparato per la serata finale proprio i vincitori del titolo più ambito.


Da vero talento sia in bravura che in modestia, parla delle quinte del palcoscenico sempre con sorriso e compostezza, mentre muove le mani d\'artista con consumata sicurezza, creando forme e fisionomie proprie di chi fa del proprio lavoro un\'attività di soddisfazione ma con rilassata ed assoluta naturalezza.








Questo è un articolo pubblicato il 08-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 08 aprile 2008 - 4082 letture

In questo articolo si parla di attualità, ostra vetere, ruben serrani, marco campolucci


ok...molto bravo. Ma che fa di preciso? Ho letto il pezzo un paio di volte e non ho capito il signor Campolucci che fa di preciso. Il parrucchiere?

Marco è un ottimo parrucchiere. Probabilmente uno dei migliori della zona.

babel-zeta sloggato

Commento sconsigliato, leggilo comunque

X babel - zeta: questo è un esempio di come \"si deve fare\" un articolo giornalistico.<br />
Infatti, spinto dalla curiosità, il lettore arriva tranquillamente alla fine dell\'articolo, cosa che di solito non fa.<br />
Ma tu ne capisci qualcosa di come si scrive?




logoEV
logoEV