statistiche accessi

Una lettera aperta dal Meetup a Silvana Amati sulle condizioni della Cesanella

marciapiede cesanella 4' di lettura Senigallia 01/04/2008 - Gentile Pluri-Candidata,
La ringraziamo di aver fatto visita alla nostra città ed al nostro quartiere: forse non siamo così dimenticati da Dio e dagli uomini come pensavamo. O forse sì?


Lei è arrivata qui di sera ed in automobile, quindi non ha potuto godere appieno delle bellezze paesaggistiche di Cesanella, né del suo impareggiabile livello di vivibilità e di comfort. Quindi, speriamo apprezzerà un rapido excursus sulla situazione reale del nostro quartiere.


A Cesanella risiedono principalmente anziani oppure famiglie con bambini. La maggior parte dei lavoratori del quartiere non svolge la propria professione nelle vicinanze della propria abitazione, ma vi fa rientro solo alla fine della giornata lavorativa. Questa può essere una delle cause della scarsa attenzione alle problematiche della nostra zona di residenza da parte dei suoi stessi abitanti, ma non giustifica il disinteresse da parte dell\'amministrazione.
Qui sopra (foto da 1 a 5) vede alcune immagini dello stato in cui, da anni, versano i marciapiedi del nostro quartiere. Tenga conto che le foto sono state scattate in un giorno di bel tempo. In caso di pioggia, l\'allagamento di parte della sede stradale è quasi una costante. Lei lascerebbe passeggiare un suo nipotino su di un marciapiedi simile? E un anziano con problemi di mobilità?


Sappiamo che è necessario uno sforzo di fantasia, ma quelle che sta vedendo (foto 6 e 7) sono due immagini di uno stesso lampione, soffocato dai rami di un leccio.Che tipo di illuminazione si potrà mai garantire in queste condizioni? Le ricordo che i marciapiedi sopra raffigurati giacciono al di sotto di questi stessi lampioni, giusto per dare un\'idea della fruibilità degli spazi pedonali in questa zona di Senigallia. Se potare gli alberi suscita dubbi ambientalistici, basterebbe utilizzare lampioni più bassi, così come accade lungo la sola via Piero della Francesca, dalla chiesa al bocciodromo del quartiere.


Qui (foto 8), invece, vede rappresentato lo stato del manto stradale. Non è un caso singolo, la maggior parte dell\'asfalto delle nostre vie versa in queste condizioni. Questo non solo per la conformazione argillosa del terreno e per l\'inadeguatezza degli interventi che si sono succeduti negli anni, ma anche perché il transito di mezzi di trasporto pesanti è in continuo aumento, con tutte le conseguenze che si possono facilmente immaginare.


Qualche tempo fa, una mamma meno addormentata delle altre che popolano Cesanella, ha fatto notare all\'amministrazione comunale la mancanza di fermate per lo scuolabus adatte a consentire ai bambini di attendere i mezzi in sicurezza. Questa (foto 9) è stata la risposta dell\'amministrazione comunale: un cartello con la scritta \"L\'autobus per andare a scuola puoi aspettarlo qui\". Non una pensilina sotto cui ripararsi in caso di pioggia, né soprattutto l\'individuazione di un punto appena meno pericoloso di quello designato. La strada che si intravede dietro la curva è via Cellini, una delle più trafficate del quartiere, soprattutto dai mezzi pesanti di cui sopra, visto che conduce direttamente alla zona industriale.


Dieci anni fa, ci era stato promesso dall\'amministrazione comunale che l\'area qui (foto 10) sopra riprodotta sarebbe divenuta un mega - parco giochi per i bambini. Sinceramente, non si è mai visto nulla più del chiassoso Luna Park, che staziona qui inesorabilmente ogni anno tra ottobre e novembre. Forse perché per salire sulle altalene di solito non si paga alcun affitto, mentre per soggiornare con roulottes e tendoni da circo sì?


A prima vista, dunque, si direbbe che Cesanella sia un borgo di diseredati. Ma se così fosse, come si spiegherebbe il continuo proliferare dell\'edilizia nella zona? Si contano ormai almeno una decina di cantieri aperti contemporaneamente ed il prezzo degli appartamenti è altissimo. Perché costruire e vendere immobili in un\'area così dequalificata? Che voce in capitolo hanno gli abitanti a proposito delle decisioni che vengono prese sul loro quartiere?


Non ci aspettiamo alcun tipo di intervento da parte Sua, non siamo qui per chiedere attenzione in cambio di voti. Vorremmo solo far presente all\'amministrazione comunale, in Sua presenza, che la riqualificazione urbanistica di Senigallia non può riguardare solo il centro storico. Per una città turistica è sicuramente fondamentale presentare \"la faccia buona\" a chi viene da fuori. Ma i cittadini dovrebbero essere tutti titolari degli stessi diritti, perché la cittadinanza non si misura in base alla zona di residenza. Non è edificante assistere alla \"salottizzazione\" del centro, sapendo che la sera comunque si tornerà a dormire in cantina.


Grazie per l\'attenzione e buona campagna elettorale.


Foto a cura delle attiviste Elena Starna e Laura Mengucci








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 01 aprile 2008 - 2536 letture

In questo articolo si parla di cesanella, politica, meetup senigallia, beppe grillo





logoEV
logoEV
logoEV