Al Gabbiano ''Zero'', l'inchiesta sull'11 settembre

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Continua al cinema Gabbiano la rassegna dei "mercoledì d'essai" che propone il 27 febbraio “Zero”, spettacolo unico ore 21,30.

dal cinema Gabbiano


Zero è un film documentario che rompe il muro del silenzio, è un'inchiesta giornalistica rigorosa, costruita con interviste girate in tutto il mondo a testimoni oculari, sopravvissuti, responsabili delle indagini, esperti, tecnici, scienziati e giornalisti; immagini di repertorio inedite ed esclusive; documenti ufficiali; ricostruzioni in computer grafica. Il filo logico dell'inchiesta si snoda attraverso la presenza di tre narratori d'eccezione: Dario Fo , Lella Costa e Moni Ovadia.
- Come e perché sono crollate le torri gemelle e l'edificio 7 del World Trade Center?
- Che cosa è accaduto al Pentagono?
- Com'è possibile che la difesa aerea più potente del mondo l'11 settembre non ha funzionato in nessun suo elemento, senza che in seguito nessuno sia stato incolpato per l'accaduto?
- Chi sono e come hanno agito i dirottatori? Come sono entrati negli Stati Uniti?
- Cos'è al Qaeda e quali legami aveva con i servizi statunitensi l'11 settembre 2001?
- Perché le indagini precedenti all'11 settembre sono state ostacolate dai vertici del Fbi e perché le indagini successive alle stragi si sono concluse in brevissimo tempo?

L’inchiesta giornalistica sull’attentato del 2001 alle Torri gemelle di New York fa tappa a Senigallia. Sarà proiettato il 27 febbraio (ore 21.30) al ‘Cinema Gabbiano’ ‘Zero – inchiesta sull’11 settembre’, film - documentario che propone un’inchiesta costruita con interviste girate in tutto il mondo a testimoni oculari, sopravvissuti, responsabili delle indagini, esperti, tecnici, scienziati, familiari delle vittime, giornalisti. Monica Centofante, del direttivo nazionale dell’associazione Megachip, tra i produttori del film, introdurrà la proiezione, tra le poche occasioni di visione nel nostro territorio.

“La nostra indagine sull’11 settembre è ripartita ‘da zero’ per ricostruire i fatti - raccontano gli autori del film inchiesta -. Non possiamo sapere tutta la verità su quanto è accaduto l’11 settembre, ma sappiamo cosa non è accaduto. Sappiamo che ci hanno mentito su molte cose, forse su tutto. Sulla base di queste menzogne, sono state scatenate due guerre, decine di migliaia di persone sono state uccise. Per questo, continueremo a sollevare dubbi, a porre domande. Come cittadini di un mondo che l’11 settembre ha mutato per sempre, noi chiediamo, vogliamo, pretendiamo la verità”.

Tre narratori d’eccezione, Dario Fo, Lella Costa e Moni Ovadia, accompagnano lo spettatore nel viaggio attraverso le gravi contraddizioni della versione ufficiale. Immagini di repertorio inedite ed esclusive, documenti ufficiali, ricostruzioni in computer grafica, permettono allo spettatore di riconsiderare i fatti da punti di vista diversi e riuscire a guardare di nuovo, in maniera critica, le immagini dell’11 settembre 2001. In questi anni, molte domande sono emerse, troppi buchi neri senza una risposta. “Domande – dichiarano gli autori - che l’informazione ufficiale non ha il coraggio di affrontare.

Gli autori del film - Giulietto Chiesa, uno dei più noti giornalisti italiani. Esperto di politica estera, fondatore dell’associazione “Megachip, Democrazia nella Comunicazione”, deputato al Palamento Europeo. Franco Fracassi, regista e sceneggiatore precedentemente ha lavorato per 16 anni come giornalista e fotoreporter, per testate italiane e internazionali, come l’Associated Press. Per anni è stato inviato di guerra, coprendo i conflitti di Bosnia, Croazia, Kosovo, Sri Lanka, Angola e Iraq. Thomas Torelli, produttore e co-autore, montatore, nel 2001 fonda la Xtend, società che opera nel campo della produzione e postproduzione per il cinema e la televisione. Francesco Trento, regista.

NAZIONE: Italia
ANNO: 2007
GENERE: documentario
DURATA: 110’
REGIA: Franco Fracassi e Francesco Trento
CON: Lella Costa, Dario Fo, Moni Ovaia
DATA DI USCITA: Roma 2007





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 febbraio 2008 - 1442 letture

In questo articolo si parla di cinema gabbiano