x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Primo direttivo del Pd: soddisfatta anche la Margherita

2' di lettura
1985
EV

L' elezione del direttivo senigalliese del Partito Democratico, avvenuta domenica pomeriggio, ha sancito la nomina di Fabrizio Volpini a primo segretario del Pd, evidenziando anche una maggiore presenza di "ex" Ds rispetto alla Margherita.

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it

Dopo essersi aggiudicati due posti su quattro all’assemblea Provinciale con Silvana Seri e Graziano Mariani e i presidenti di tutte e quattro le circoscrizioni cittadine con Alessandro Panni, Tiziana Pellegrini, Lianca Rinaldi e Mauro Gregorini, gli ex Ds infatti hanno ottenuto anche il segretario cittadino.

“Per quanto riguarda la nomina di Fabrizio Volpini non possiamo che dirci d'accordo -afferma Fabrizio Chiappetti, del Pd- lo stesso neo segretario ha promesso il suo impegno per instaurare un dialogo proficuo e fattivo con tutte le varie componenti all'interno del Pd. Questo ci fa piacere così come ci soddisfa che il documento programmatico redatto sia stato approvato dall'assemblea. Insomma, non ci resta ora che rimboccarci le maniche e avventurarci verso il primo banco di prova rappresentato dalla compagna elettorale per le politiche”.

Nessun problema per la ex Margherita neanche sulla presenza “massiccia” di esponenti di area Ds all'interno del direttivo del Partito Democratico senigalliese.

“Si è trattato di una conseguenza logica -spiega Chiappetti- i Ds, sia come voti che come milanti, partivano da una base più ampia rispetto a quella della Margherita. Con la costituzione del Partito Democratico poi, la Margherita si è, per così dire, scissa in tre componenti perchè oltre a sostenere la lista Letta e quella della Bindi, una parte è confluita nella lista di Veltroni, insieme ai Ds. Il risultato senigalliese delle votazioni sono il riflesso delle primarie di ottobre. Per quanto ci riguarda siamo più che soddisfatti perchè come Margherita avevamo presentato cinque coppie di candidati e sono state tutte elette. Direi che più di così non si poteva certo fare”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 12 febbraio 2008 - 1985 letture