contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Il Rotary Club sostiene Un tetto ed i bambini di Litva

1' di lettura
2218
EV

Come da alcuni anni è ormai consuetudine, il Rotary Club Senigallia ha deciso di sostenere ancora una volta il progetto internazionale della locale Associazione “Un Tetto” – Gruppo per l’affido e l’accoglienza dei minori che, dal 1998, ha avviato un gemellaggio con la scuola di Litva, un villaggio della Bielorussia che si trova nella zona tristemente nota per l’esplosione di Cernobyl.

da Rotary Club Senigallia
Don Paolo Gasperini, referente dell’Associazione e relatore dell’incontro tenutosi lunedì 21 gennaio presso la sede del Rotary Club, ha illustrato come sia noto che le principali vittime di tale evento siano i bambini sostenendo però che un soggiorno lontano dalla zona contaminata può ridurre il danno fino all’80 %. Il progetto di gemellaggio ha come finalità l’ospitalità dei bambini bielorussi in Italia, il sostegno dei progetti che la scuola di Litva promuove per i suoi alunni ed il supporto ad un’intera comunità che vive con poca speranza nel futuro.

Il Presidente Bani, nel donare al relatore il contributo del Rotary Club Senigallia al progetto, ha ringraziato insieme a lui i volontari dell’Associazione “Un Tetto” ricordando come, attraverso un’azione comune, anche quest’anno venti bambini di Litva saranno ospiti di famiglie senigalliesi dal 26 marzo al 30 aprile potendo frequentare le lezioni insieme ai loro insegnanti grazie alle aule messe a disposizione presso le Scuole Elementari Leopardi e Rodari.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 gennaio 2008 - 2218 letture