x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Corinaldo: Scattolini dice 'no' ai rifiuti campani

1' di lettura
3994
EV

Senza mezzi termini Livio Scattolini, primo cittadino corinaldese, chiude i cancelli della discarica di Corinaldo all'immondizia napoletana.

di Riccardo Silvi
riccardo.silvi@viveresenigallia.it
foto di Ilario Taus

"Alla luce delle dichiarazioni fatte dall'assessore regionale Marco Amagliani, riguardo la disponibilità della nostra discarica ad accogliere rifiuti provenienti dalla Campania, sono costretto ad intervenire-afferma il sindaco Scattolini-. Parlo come primo cittadino corinaldese e non voglio nessun rifiuto campano nella nostra discarica. Bisogna rispettare l'ordine costituito delle cose. Le recenti affermazioni di Amagliani non hanno nessun fondamento anche perchè non sono stato nemmeno interpellato.

La discarica di Corinaldo
-contnua Scattolini- seguirà il piano territoriale stipulato e di conseguenza non accetterà nessun rifiuto al di fuori di quelli previsti. Solo la Provincia ha il potere di cambiare questa decisione. E' una questione di principio. La situazione dei rifiuti napoletani non è proprio una emergenza, questo termine è usato impropriamente. La Regione Campania deve assumersi le sue responsabilità e risolvere questi problemi. La soluzione non può essere il trasportare rifiuti in altre discariche. La nostra logica di lavoro, quella che seguiamo da sei anni consiste nell'attenerci al piano territoriale dei rifiuti.

Quella di avere una discarica
-conclude Scattolini- è stata una scelta coraggiosa presa dalle precedenti amministrazioni e che noi stiamo difendendo, preservando e mantenendo."





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 gennaio 2008 - 3994 letture