contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Castelleone: un sito web dedicato Don Aurelio Stefanelli

2' di lettura
2740
EV

Il Movimento “Insieme per Castelleone” presenterà il sito web dedicato a Don Aurelio Stefanelli, sacerdote e pittore presso la comunità di Castelleone di Suasa per circa 40 anni, in un incontro pubblico che si svolgerà il 3 gennaio a Castelleone di Suasa.

da Insieme per Castelleone
Don Aurelio morì il 10/08/2004 presso l’Ospedale di Senigallia e ancora oggi è ricordato affettuosamente dalla popolazione di Castelleone di Suasa per le molteplici iniziative che ha avuto durante la vita pastorale nel nostro paese.

Era arrivato nel nostro Comune nel 1952 e vi rimase (eccetto per alcuni periodi in cui fu inviato in altre Parrocchie quali Ripe, Roncitelli, S.Medardo di Arcevia) fino alla sua morte avvenuta all’età di 77 anni. Don Aurelio, oltre che espletare le funzioni di Vice Parroco, è stato nel primo periodo sacerdotale a contatto con i giovani, ha poi gestito il Cinema Parrocchiale ed è stato insegnante di religione presso la Scuola Media di Castelleone di Suasa, ma soprattutto è stato un pittore di notevole spessore. Per tutti questi motivi, il Movimento ha deciso di dedicargli un sito web raggiungibile all’indirizzo: www.donaurelio.suasa.it, dove è stato raccolto il suo operato, o almeno quello che sono riusciti a trovare, affinché venga ricordato anche dalle generazioni future.

Il sito verrà presentato al pubblico in un incontro in cui si ricorderà Don Aurelio attraverso le testimonianze di chi lo ha conosciuto. Siamo convinti che la possibilità di pubblicare messaggi, testimonianze e ricordi avvicinerà la comunità di Castelleone di Suasa a dibattere sull’estro e la genialità dell’artista e sulla saggezza e profondità del sacerdote.

Si invitano tutti ad inviare notizie o memorie oppure a segnalare nuove opere non ancora censite, molte delle quali si trovano attualmente in molte abitazioni di Castelleone di Suasa, per poter arricchire il sito web.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 dicembre 2007 - 2740 letture