x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Trasforma – Arte e città sostenibile

3' di lettura
5011
EV

Balene e sirene. Giostre. Boschi ghiacciati da tenere vivi pedalando. Video. Performance. Installazioni. Inizia Trasforma – Arte e città sostenibile, il mese dell’arte contemporanea legata alla sostenibilità a Senigallia.

dal Comune di Senigallia
www.comune.senigallia.an.it

Dal 7 dicembre 2007 (Inaugurazione ore 18) al 6 gennaio 2008, con una concentrazione di accadimenti e performance in questo primo fine settimana dal 7 al 9 dicembre, la Rotonda a Mare di Senigallia (Marche – AN) vedrà il suo battesimo a nuovo centro europeo di innovazione e arte contemporanea capace di essere potenziale strumento per la valorizzazione sostenibile del territorio.

Per tre giorni ospiterà eventi, performance multimediali e video-installazioni firmate da artisti internazionali in arrivo da Italia, Europa e area balcanica, presentate in prima nazionale o assoluta, alcune pensate appositamente per Senigallia.
Si tratta di lavori che ruotano intorno a tematiche di rigenerazione territoriale, responsabilità sociale, dialogo interculturale, ecologia urbana. Installazioni, performance, azioni, video. Un bosco ghiacciato la cui refrigerazione è azionato da biciclette che lo stesso spettatore deve contribuire a tenere vivo. Balene giganti. Sirene. Cuore della tre giorni d’arte che parla di sostenibilità e territorio sarà la Festa delle Sirene, sabato 8 dicembre dalle 16.

Le “Sirene di Senigallia” (installazione, pittura, fotografia) realizzata dall’artista Antonio Catalano in collaborazione con alcuni ospiti della Casa Protetta Per Anziani Ex Irab di Senigallia, ruoteranno intorno a un vitale giostra, animata anche dalla banda cittadina.
Si tratta di uno dei lavori più significativi per la città di Senigallia dato che è appunto nato in loco, dopo giorni di incontri tra l’artista e le ospiti della casa di riposo, trasformate in sirene. Ci saranno musica, filastrocche, racconti, poesia, meraviglia, condotti dalla "voglia di unire mondi in apparenza divisi per formare un unico mondo sensibile" spiega Antonio Catalano. Le Sirene di Senigallia fanno parte del suo lavoro sugli Universi Sensibili: la ricerca della festa, dell'incontro, dello stare bene insieme. Attorno alla giostra si incontreranno il mondo dell'infanzia con il mondo della vecchiaia, facendo emergere l’aspetto filosofico e poetico della relazione.

L'idea di “Trasforma - arte e città sostenibile” nasce come primo momento di visibilità del progetto Vapartec (acronimo per Valorizzazione del patrimonio architettonico, storico-culturale e linguistico letterario attraverso l’Arte Contemporanea), ideato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Senigallia nell’ambito del Nuovo Programma di Prossimità Adriatico Interreg/Cards-Phare e sviluppato in collaborazione con i partners Moving Culture (Albania), Translocal (Croazia) e Youth of Jazas Novi Sad (Serbia). Sono attesi Alem Korkut (Zagreb), Antonio Catalano (Asti), Claudia Losi (Piacenza), El Cartel (Madrid), Portage R.P. (Torino), Renata Poljak (Split/Paris), Rosa Casado & Mike Brookes (Madrid/Bristol), Tanja Dabo (Rijeka). Coordinatrice artistica Alessandra Simeoni. Inoltre i partner dell’area balcanica presenteranno una selezione di opere di loro artisti. È previsto un secondo momento di performance e installazioni per la prossima primavera, aprile-maggio 2008.

Le opere capaci di tracciare nuove strade nella riflessione e nell’azione artistica e urbana su tematiche legate alla sostenibilità saranno in questo caso selezionate da una giuria internazionale tramite il I Concorso di creazione “Trasforma - arte e città sostenibile”.

Info www.trasforma.it.




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 dicembre 2007 - 5011 letture