contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Ostra Vetere: inaugura Camelot, il nuovo centro di aggregazione giovanile

2' di lettura
1792
EV

Si chiama “Camelot” ed è il nuovo Centro di Aggregazione Giovanile (C.A.G.) di Ostra Vetere che l’Amministrazione comunale, ed in particolare l’assessorato alle politiche giovanili guidato dal giovane vice sindaco Daniele Api, inaugura sabato 24 novembre 2007 alle ore 17 con una cerimonia, a cui parteciperanno il sindaco di Ostra Vetere Massimo Bello, il presidente della Giunta provinciale Patrizia Casagrande, l’assessore provinciale alle politiche giovanili Carlo Maria Pesaresi e l’abate parroco di Ostra Vetere don Giancarlo Cicetti.

Il nuovo Centro di Aggregazione Giovanile, situato nei locali parrocchiali di via Gramsci in pieno centro storico (info line: Tel. 071.96.40.02/071.96.50.53 e-mail informagiovani.ostravetere@libero.it) aprirà, poi, ufficialmente i battenti da lunedì 26 novembre 2007 e settimanalmente sarà aperto tutti i lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 15 alle ore 19.

La novità è rappresentata dall’istituzione del punto “Informagiovani”, una postazione informatizzata e di orientamento, a cui i giovani potranno rivolgersi per chiedere e ricercare notizie relative alle proprie attività ed ai propri interessi. Nel Centro di Aggregazione Giovanile di Ostra Vetere i giovani potranno, inoltre, svolgere attività di studio e di svago. Nel Centro sono a disposizione tanti giochi, saranno organizzati giochi di gruppo ed in alcuni periodi dell’anno saranno organizzati anche una serie di tornei.

Nel Centro, poi, si possono trovare angoli per la creatività con la possibilità di scrivere, disegnare, colorare, leggere, ascoltare musica, vedere films e documentari, e saranno a disposizione anche due postazioni informatiche. Le attività del Centro saranno coordinate direttamente dall’Assessorato alle politiche giovanili ed i giovani saranno seguiti da operatori, volontari e personale messi a disposizione dall’Amministrazione comunale.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 novembre 2007 - 1792 letture