Nel senigalliese le donne tramandano l'artigianato

Senigallia 30/11/-0001 -
L’artigianato artistico è al femminile. Nel senigalliese il comparto più creativo è in mano alle donne: Abbigliamento su misura, lavorazione del cuoio, grafica, tappezzeria, tessitura, ricamo.

da Confartigianato


Le attività tradizionali, ricorda la Confartigianato di Senigallia, sono svolte soprattutto in imprese di piccole dimensioni. Oltre il 50%, infatti, e' costituita dal solo titolare. Piccole realtà imprenditoriali che, comunque, garantiscono la continuità degli antichi mestieri. Nonostante si tratti di lavori “di nicchia” e, quindi, molto richiesti da italiani e stranieri, gli artigiani sono preoccupati per gli ostacoli che minacciano lo sviluppo e, in alcuni casi, l’esistenza dell’impresa. I piccoli imprenditori sollecitano finanziamenti mirati alle necessità dell’artigianato artistico e la creazione di marchi specifici che garantiscano le produzioni d’arte. Da sempre il Gruppo Donne Impresa Confartigianato è impegnata nella valorizzazione del patrimonio dei mestieri dell’artigianato artistico.

L’artigianato d’arte é presente in tutti i settori produttivi, opera in stretto contatto con l’ambiente, la storia, i costumi ed i movimenti culturali del territorio : è uno di quegli elementi unici e non riproducibili che rappresentano un valore aggiunto. Quando si pensa all’artigianato in quest’ottica di identità culturale, si realizza immediatamente una fusione tra la parola, “la cosa”e il valore artistico del prodotto d’artigianato: un vaso, un ricamo, un gioiello, un pezzo d’arredo. Il cittadino, il turista, l’appassionato possono scoprire, con gli oggetti, i segni di un passato non solo “commerciale” ma anche culturale ed artistico del territorio. La creatività e l’abilità manuale sono indicate solitamente come le motivazioni più importanti per il lavoro delle artigiane – artiste e sono alla base della scelta di avviare imprese di produzione artistica e tradizionale, magari “ reinterpretate” per adeguarle alle mutate esigenze del mercato.

La necessità di trovare uno sbocco lavorativo, è ancora la prima spinta a“fare impresa”. Alla necessità di inventarsi un lavoro si sono affiancate con sempre più preponderanza altre motivazioni: in particolare“avere un’idea innovativa” e la “tradizione familiare”. Importantissimo è anche il grande lavoro sindacale che Confartigianato riserva a questi antichi mestieri, in primo luogo i vari confronti aperti con diverse amministrazioni comunali, alle quali e’ stato chiesto di salvaguardare questi mestieri e di poter trovare agevolazioni per far si che questi artigiani continuino e possano tramandare il loro lavoro.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 settembre 2007 - 1913 letture

In questo articolo si parla di confartigianato