Forza Italia: sempre più critica la frattura interna al partito

Senigallia 30/11/-0001 -
A Senigallia, all’interno di Forza Italia, il dibattito ed il confronto tra i tre gruppi di soci iscritti in cui si è diviso il partito è sempre più difficile.

da Giovanni Sergi
a nome di un gruppo di iscritti a Forza Italia


Alcune recenti riunioni nella sede del partito in via Nazario Sauro 17 a cui hanno partecipato rappresentanti dei tre gruppi in cui si divide FI a Senigallia si sono dovute interrompere in quanto alcuni rappresentanti della vecchio gruppo dirigente non essendo in grado di sostenere un civile confronto politico hanno preferito ricorrere agli insulti gratuiti ed anche ad un lancio di seggiole contro il muro della sede del partito.

Il vecchio gruppo dirigente,formato da un numero ristrettissimo di soci isolati dalla società civile e purtroppo molto influenzato da ambienti politici di Ancona, non riesce a rendersi conto che FI è un partito liberale dove il confronto delle diverse linee politiche non solo è perfettamente lecito ma anche rappresenta la ragione stessa di esistere di un movimento politico liberale e popolare come FI. Ormai da alcuni mesi solo i soci che fanno parte del vecchio gruppo dirigente possono entrare nella sede del partito. Agli altri soci iscritti a Forza Italia a Senigallia è negata addirittura la disponibilità della chiave per utilizzare la sede il cui affitto viene pagato con versamenti volontari dei soci iscritti.

Le richieste di incontri nella sede di FI per confrontare le diverse posizioni e trovare le ragioni politiche per costruire un gruppo coeso capace di svolgere una leale ed efficace opposizione allo schieramento di Centro Sinistra vengono rifiutate impedendo ai due gruppi di FI che si riconoscono nella linea politica di Silvio Berlusconi di entrare nella sede del partito. Il gruppo di soci di Forza Italia che a Senigallia lavora da mesi per costruire una mozione ed una lista unitaria per il Congresso comunale e che si riconosce lealmente nella linea politica di Silvio Berlusconi è purtroppo costretto a considerare con grande serietà la possibilità di chiedere lo spostamento ad altra data del Congresso comunale previsto per domenica 23 settembre a Senigallia in quanto risulta impossibile svolgere il Congresso di FI con spirito unitario.

È utile ricordare a questo riguardo che venerdì sera a Senigallia l’on.Claudio Scajola, importante rappresentante di FI, ha sottolineato nel corso del suo intervento all’interno della sala del Consiglio comunale che i Congressi comunali devono essere svolti in un clima unitario e che non è ammissibile svolgere Congressi che dividano o escludano qualcuno.

Il comunicato è firmato da: Mario Gambelli, Ennio Giuliani, Claudia Pierangeli, Giovanni Sergi iscritti al Coordinamento di FI a Senigallia.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 settembre 2007 - 2781 letture

In questo articolo si parla di forza italia, giovanni sergi


melgaco

16 settembre, 01:00
E' inutile che vi scanniate.<br />
<br />
Tanto il Berlusca ha già deciso di chiudere la baracca.<br />
<br />
Lui è più avanti di tutto e di tutti.<br />
Appena ha visto che anche Forza Italia stava diventando un partito (con tanto di beghe come questa) ha deciso di chiuderlo.<br />
<br />
Avete capito?<br />
HA DECISO DI CHIUDERLO<br />
<br />
Vi sto dando un'informazione.<br />
<br />
Quindi è inutile che vi scanniate.<br />

Anonimo

16 settembre, 08:34
caro Michele,<br />
potresti dirci chi sono questi soci, è troppo generico indicare un gruppo di soci. Vorrei sapere i Nomi e i cognomi di questa immenso gruppo di contestatori. Grazie. <br />
Alessandro<br />
<br />
--Alessandro

ghost

16 settembre, 14:30
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

16 settembre, 15:52
....perchè lo chiedi a Michele se già sai benissimo di chi si tratta ! <br />
maurizio<br />
<br />
--maurizio

Anonimo

16 settembre, 16:01
Commento sconsigliato, leggilo comunque

michele

16 settembre, 17:32
Hai ragione Alessandro, ho cambiato la firma dell'articolo.<br />
Ma sei Cicconi Massi?

Daniele_Sole

16 settembre, 19:21
E io che pensavo che in Italia l'eutanasia fosse un reato!...Mha...<br />
Una volta esisteva il "divide et impera": mi pare proprio che vi manchi "l'impera".<br />
O forse mi sbaglio, e ce ne sono pure troppi: e a ben guardare nessuno che valga la pena riesca a superare gli altri.<br />
Fate un pò voi, ntanto Grillo ...

grifone

17 settembre, 00:54
Siete 4 gatti e riuscite anche a litigare ... poi dicono che uno si butta a SX ...

Anonimo

17 settembre, 08:22
qualcuno potrebbe dirmi se l'ennio giuliani che risulta tra i firmatari sia lo stesso ennio giuliani che era in sinistra democratica ai tempi della "scissione chiappa"? mi sembra impossibile che sia finito in forza italia (mi sembra che sia un tenace antiberlusconiano), ma prima di lanciarmi in giudizi affrettati mi piacerebbe solo sapere se si tratta di un caso di omonimia. grazie.<br />
<br />
--un curioso

Smile

17 settembre, 09:50
Qualcuno mi racconta la storia fin dall'inizio? Mi piacerebbe formarmi un'opinione... <br />
<br />

melgaco

17 settembre, 13:53
Io non so la storia.<br />
<br />
Immagino che sia una storia di poltrone.<br />
<br />
Ergo, fa bene il Berlusca (che è vent'anni avanti) a chiudere la baracca (può farlo visto che è roba sua)

Anonimo

17 settembre, 14:32
Si, è lui. E' stato anche consigliere comunale dei PCI-PDS-DS. Ma si può sempre cambiare idea, no?<br />
<br />
--Bucaniere

Anonimo

17 settembre, 17:16
Dopo l'ennesimo comunicato stampa, credo sia arrivato il momento di dare un modesto contributo alla rissa mediatica in corso, che sta sempre più assumendo i contorni della telenovela: detto questo, spero proprio che si rientri nei ranghi. <br />
<br />
Come premessa, vorrei anche dire che, nonostante il recente ingresso nel partito, il sottoscritto, con pochi altri, ha sempre perseguito la via della mediazione diplomatica, alla stregua di un nunzio apostolico, ma ora penso sia un po' tardi e spiego il perché.<br />
<br />
1. Perchè non è ben chiara l'entità di questo dissenso e a questo punto vale la pena contarsi, come in tutti i civili contesti; anche nei congressi dei partiti a livello nazionale non tutto fila sempre liscio...<br />
<br />
2. Perchè si può anche criticare una linea politica e pure i rappresentanti dei partiti eletti nei consigli comunali, ma poi si deve anche proporre un'alternativa costruttiva e soprattutto valida. Se poi gli attacchi, trascendono sul personale, tutte le mediazioni hanno ben poca speranza.<br />
<br />
3. Perchè non si può fare della stampa un uso così dissennato: dovremmo proporre alternative al governo attuale ed attaccare, quando necessario, la sinistra che mal governa a Senigallia, soprattutto a causa delle posizioni estreme di RC, ma mai mettere alla berlina nessuno, né persone, né gruppi politici. Ripeto: i panni sporchi si lavano in casa… prendiamo esempio dalla sinistra… perlomeno, da quella di qualche tempo fa… <br />
<br />
4. Perchè è con la coesione che si incrementa il potere del partito sul territorio e non è detto che a mozioni distinte, seguano poi divisioni interne: la politica non è un’equazione matematica. <br />
<br />
5. Perchè nella penultima riunione - per essere chiari - c'era stata la reale possibilità di andare ad una mozione unica, ma qualcuno dei firmatari del presente documento, ha pensato bene di non accettare…<br />
<br />
6. Perchè pubblicizzare il gesto d'ira di un socio, non è assolutamente cosa buona... tra l'altro potrebbe capitare a tutti, e chi pensa che a causa di quel gesto sia saltato l'accordo, agisce in malafede. Mi pare, se non vado errato, che Krusciov si lasciò spesso andare a gesti plateali, pur ricoprendo una carica importantissima...<br />
<br />
Allora, e concludo, andiamo al congresso e verifichiamo quanto sia ampio il dissenso. Se lo dice uno che fino all'ultimo ha fatto di tutto per andarci uniti, penso voglia dire qualcosa. Poi, sarà necessario dimostrare agli elettori e ai cittadini scontenti della politica della Angeloni, che una valida alternativa esiste: la disaffezione ai politici di molti italiani, è sicuramente un preoccupante indizio. Quindi bisognerà anche cambiare il modo di fare politica ed essere meno formali e più pratici. Il fatto che ci sia tutto questo caos, non contribuisce sicuramente a far cambiare opinione sull’inconsistenza della politica e dei politici italiani.<br />
<br />
<br />
--Giuseppe Landi

Anonimo

22 settembre, 14:40
<br />
Vuoi dire che al contrario delle sedi di partito è "utile" scannarci qui? O nei forum, o nei blog?<br />
<br />
Berlusca è arrivato dopo. Prima si è fatto il lifting, dopo Grillo ha capito che è meglio farsi un blog.<br />
<br />
Ma se vai a vedere qualche commento dopo le provinciali, dove c'è stato il 14 % di schede Nulle + bianche, capisci che la tua "informazione" è roba vecchia.<br />
O forse hai aspettato che passasse l'estate per raccontarcela, tanto per non rovinarci le vacanze... Ma guarda che gli italiani ci vanno poco in vacanza ultimamente, cioè negli ultimi 15 anni.<br />
<br />
-- Made in Italy