contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Corinaldo: 158 giovani ospitati per il pellegrinaggio a Loreto

2' di lettura
1984
EV

Mancano oramai poche ore all’arrivo dei due mila giovani nella diocesi di Senigallia e fra solidarietà ed accoglienza la macchina organizzativa è già ben oliata.

Una delle realtà più impegnate in questa iniziative è la parrocchia di Corinaldo che con i suoi 158 giovani ospitati e il pellegrinaggio del 31 agosto al santuario di Santa Maria Goretti è pronta per accogliere i papa boys.

“Un ringraziamento va innanzitutto alla diocesi di Senigallia e al vescovo, che ci danno la possibilità di ospitare e far conoscere la nostra cittadina e Santa Maria Goretti a migliaia di giovani –ha affermato il sindaco Livio Scattolini-, ma un ringraziamento va fatto anche all’Ipercoop Il Maestrale che in occasione del Pellegrinaggio a Corinaldo metterà a disposizione migliaia di bottigliette di acqua.”

Venerdì 31 infatti tutti i duemila giovani ospitati dalla diocesi di Senigallia si ritroveranno a Corinaldo per il pellegrinaggio “Sulle strade dell’amore cristiano” che partendo dalla chiesa di Madonna del Piano arriverà al Santuario di Santa Maria Goretti. Per l’occasione l’Ipercoop Il Maestrale metterà a disposizione dei pellegrini 5500 bottiglie d’acqua, circa 3000 litri.

“Quello che veramente ci ha stupito –ha affermato don Giacomo Bettini, vice parroco di Corinaldo- è la straordinaria disponibilità delle famiglie corinaldesi. Inizialmente avevamo pensato di ospitare circa 100 giovani, ma in breve tempo siamo arrivati a 158 e ancora abbiamo 4 posti liberi. Il gruppo che arriverà a Corinaldo sarà composto da giovani polacchi –ha continuato don Giacomo- e tutti saranno ospitati nelle famiglie. Un grazie va anche alla amministrazione comunale che si è rivelata molto disponibile nei nostri confronti, mettendoci a disposizioni luoghi, attrezzature e vigilanza per venerdì 31.”

I papa boys tra oggi e domani arriveranno in tutta la diocesi e oltre ai 500 italiani saranno presenti delegazioni spagnoli, polacche, francesi del Libano e della Repubblica Ceca.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 agosto 2007 - 1984 letture