statistiche accessi

Arcevia: rogo nel bosco del cimitero, bruciano 3 ettari di terreno

2' di lettura 30/11/-0001 -
L'allarme incendi torna a mettere in allerta il senigalliese. Ieri mattina un un rogo di notevoli dimensioni è divampato ad Arcevia, nella frazione di Conce chiamando in causa una vera task force di uomini, tra Vigili del Fuoco e Carabinieri.

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it


In fiamme sono andati quasi tre ettari di terreno, tra bosco e sterpaglie. L'allarme è scattato ieri mattina intorno alle 11. Le prime fiamme sono state avvistate all'altezza del boschetto che circonda il perimetro della cinta muraria del cimitero della frazione di Conce. Denso fumo nero e fiamme alte quasi due metri in pochi minuti si sono estese su tutta l'area boschiva interessando oltre un ettaro e mezzo di terreno.

Sul posto è subito intervenuta una pattuglia dei carabinieri di Arcevia che ha immediatamente rigirato l's.o.s. Ai Vigili del Fuoco. Dalla sede di Senigallia a sirene spiegate sono partiti tre mezzi dei pompieri ma nel frattempo il rogo continuava ad estendersi, alimentato dalle forti raffiche di vento che soffiavano ieri mattina. Giunti sul posto i Vigili del Fuoco hanno constatato la gravità della situazione, con le fiamme che avevano invaso anche l'adiacente zona di terreno cosparso di sterpaglie ed erba. In aiuto dei pompieri di Senigallia sono arrivati anche autobotti da Ancona e altri due mezzi anti incendio da Fabriano.

Mentre i vigili del fuoco erano in azione per circoscrivere il rogo, che fortunatamente è rimasto circoscritto ad una zona impervia e rocciosa ed è stato fermato prima che potesse lambire alcune case circostanti, da Ancona si è alzato in volo anche un elicottero con un carico di acqua. A quel punto le operazioni si sono concentrate sul versante laterale del pendio della collina su cui sorge il cimitero. Prima di sedare le fiamme, dall'elicottero sono stati effettuati ben 30 lanci d'acqua per il blocco del rogo. Successivamente, una volta scongiurato il rischio di un'ulteriore propagazione dell'incendio, si è passati alla fase della messa in bonifica di tutta l'area incendiata. Alla fine, dopo oltre quattro ore di lavoro l'impiego di decine di mezzi e uomini l'allarme è definitivamente rientrato e la situazione lentamente è tornata alla normalità.

Sul fronte delle cause naturali che hanno portato allo scoppio dell'incendio sembrano non esserci dubbi. Si tratta dell'ennesimo rogo che ha interessato il senigalliese dall'inizio dell'estate ma stavolta la mano del piromane non centra.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 21 agosto 2007 - 1922 letture

In questo articolo si parla di incendio, giulia mancinelli





logoEV