statistiche accessi

Ostra: al via la XXX mostra nazionale dell’artigianato e dell’antiquariato

3' di lettura 30/11/-0001 -
La Confartigianato: "Con eventi collaterali spieghiamo il fascino dei mestieri antichi che devono essere preservati e riscoperti come serbatoio di occupazione".

da Confartigianato


Il Senigalliese ha una lunga tradizione artistica. Ancora oggi sono moltissimi gli artigiani che si tramandano di generazione in generazione i “ferri del mestiere”. Ma se una volta “andare a bottega”, ricorda la Confartigianato, era una forma di educazione, oltre che una strada per trovare un lavoro, oggi le cose sono cambiate. Nei mestieri tradizionali gli imprenditori trovano difficoltà a trovare manodopera qualificata. Ricamatrici, intagliatori, doratori, sono, dunque, figure destinate a scomparire? Nell’artigianato artistico e di tradizione, fortunatamente ancora operano molte aziende che svolgono ben 158 mestieri diversi.

I mestieri d’arte e di tradizione sono presenti in tutti i settori produttivi e sono legati all’ambiente, alla storia, ai costumi e alle culture delle diverse aree, tanto da formare distretti produttivi “tipici”: Ostra è uno di questi. Una dimostrazione della valenza dell’artigianato artistico può essere ammirata nell’ambito della XXX edizione della Mostra nazionale dell’artigianato e dell’antiquariato di Ostra che si terrà fino al 19 Agosto presso il Palazzo dei Padri conventuali tutti i giorni dalle 17,30 alle 23, organizzata dalla Pro Loco di Ostra, in collaborazione con il Comune e la Confartigianato. In particolare tra gli “eventi collaterali” la Confartigianato propone l’artigianato artistico con il maestro cartaio Sandro Tiberi, la calligrafa Livia Agostinelli, il rilegatore d’arte Graziano Belfioretti, il liutaio Giulio Negrini.

Le attività tradizionali sono svolte soprattutto in imprese di piccole dimensioni. Oltre il 50%, infatti, e' costituita dal solo titolare. Molte aziende hanno da 1 a 5 dipendenti. Piccole realtà imprenditoriali che, comunque, garantiscono la continuità degli antichi mestieri. Nonostante si tratti di lavori di nicchia e, quindi, molto richiesti da italiani e stranieri, gli artigiani sono preoccupati per gli ostacoli che minacciano lo sviluppo e, in alcuni casi, l’esistenza dell’impresa. In particolare, mancano aree produttive attrezzate e un sostegno da parte degli enti locali alle iniziative di promozione. Secondo un sondaggio di Confartigianato, a fronte di questi problemi, i piccoli imprenditori sollecitano una diminuzione del costo della manodopera, la creazione di infrastrutture organizzate, finanziamenti mirati alle necessità dell’artigianato artistico e la creazione di marchi specifici che garantiscano le produzioni d’arte.

L’antiquariato e l’artigianato sono protagonisti della Mostra di Ostra che rappresenta un'iniziativa importante per la salvaguardia del patrimonio artistico e per la tutela e il rispetto dei beni che lo compongono e una opportunità per favorire la diffusione di una cultura dei beni artistici, di una loro corretta fruizione, che sappia cogliere il valore del lavoro manuale che li ha prodotti. Il restauro rappresenta un settore rilevantissimo dal punto di vista culturale. Basti pensare che l'enorme patrimonio artistico italiano può sopravvivere e essere consegnato intatto alle generazioni future, solo grazie all'opera degli artisti restauratori.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 agosto 2007 - 2201 letture

In questo articolo si parla di confartigianato, ostra





logoEV
logoEV