x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Serra de' Conti: nuove prospettive ambientaliste, esperienze e proposte

1' di lettura
1883
EV

Oggi la “politica ha bisogno di ambiente” e, in eguale misura, “l’ambiente ha bisogno di politica”.
Per questo la cultura ecologista, con il suo apporto fortemente innovativo, deve essere uno dei tratti distintivi della moderna politica di sinistra.

da Monica Bocci
Portavoce di Senonia

Mentre il mondo della politica e la società civile stanno rivolgendo, anche localmente, grande attenzione alle emergenze dei temi ambientali, si prefigura una forte crisi dei partiti tradizionali e di tentativi, più o meno avanzati, di “nuove aggregazioni”, che inducono anche Senonia, quale momento di confronto "aperto" di ambientalisti di Sinistra, ad alcune riflessioni sul come proseguire il proprio impegno per la sostenibilità ambientale delle scelte sul territorio.

Un “ambiente” che ci parla di economia, di società, di cultura, di futuro, un tema troppo importante per essere delegato a forme di ambientalismo che fanno – purtroppo - della frammentazione l’elemento distintivo.

Per avere “futuro” dovremo imparare a fare di più e meglio con meno e soprattutto con maggior coesione. Ciò significa lavorare e concentrarsi molto di più sugli obiettivi e sui contenuti.

Infatti mentre tanti parlano di energia pulita, ancora in pochi puntano con decisione sul risparmio-efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili. La chiave di successo ecologico-industriale per le Marche sta proprio nell’assumere l’energia pulita tra i “progetti caratterizzanti”, attraverso un ruolo attivo delle istituzioni e un partenariato pubblico-privato che possa ravvivare l’economia locale e creare nuove sinergie.

Su questo e su altri temi vogliamo continuare a lavorare e confrontarci.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 02 luglio 2007 - 1883 letture