contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Peaceful Europe: il gran finale del progetto didicato agli studenti

2' di lettura
2126
EV

Si concluderà in settimana "Peaceful Europe", il progetto dell'Unione Europea, dedicati ai bambini e ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie sulla sensibilizzazione in merito ai temi della pace, della tolleranza e del rispetto dei popoli.

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it
Il progetto, che ha coinvolto oltre mille studenti insieme agli insegnanti, educatori e addetti ai lavori, è stato promosso dal comune di Senigallia e di Ostra in collaborazione con le scuole del territorio e le associazioni musicali e culturali locali.

A presentare il gran finale di “Peaceful Europe”, che terminerà sabato prossimo, sono intervenuti gli amministratori comunali e il sindaco di Senigallia Luana Angeloni che ha ribadito come l'obiettivo dell'iniziativa sia stato quello di “favorire la creazione di una cultura delle non violenza fra i giovani cittadini”.

“Insieme alle associazioni locali abbiamo avviato un rapporto di stretta collaborazione -spiega l'assessore alle politiche giovanili Simone Ceresoni- le scuole, dal canto loro, hanno inserito il progetto all'interno dei vari piani formativi”. “A Senigallia la cultura della pace ha iniziato la sua promozione già diversi anni fa -ricorda l'assessore alla pubblica istruzione Fabrizio Volpini- mi riferisco al gruppo di persone guidato da Vincenzo Buccelletti che poi ha dato vita alla scuola di Pace”.

Da ieri in città sono attesi più di trenta ragazzi provenienti da Cipro e dalla Slovacchia, anch'essi parte integrante del progetto Peaceful Europe, che si ritroveranno insieme a tanti altri colleghi mercoledi mattina al Foro Annonario, in via Carducci e in piazza Roma. Anche il comune di Ostra ha partecipato all'iniziativa. “Per quanto ci riguarda -aggiunge l'assessore ai servizi sociali Arduino Samory- abbiamo messo in campo iniziative che hanno interessato le scuole e le associazioni anche in riferimento al tema dei disabili”.

In città, per il gran finale di Peaceful Europe, è arrivato anche il direttore generale del dipartimento "Education and culture" di Bruxelles Belèn Enciso, che ha lodato “la validità del progetto messo in campo a Senigallia, che potrebbe essere preso a modello dalla stessa Unione europea”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 maggio 2007 - 2126 letture