contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Concluse le escursioni scolastiche al parco agro-fluviale del Cesano

2' di lettura
2074
EV

Con l'escursione del 23 maggio u.s. si è conclusa la stagione delle numerose visite di scolaresche nel "parco agro-fluviale del Cesano".

da Amici della Foce del Fiume Cesano
Grande interesse vi è stato per la foce del fiume, dove gli aspetti naturali sono rimasti, per grand parte, ancora miracolosamente (e speriamo per sempre) intatti. Stiamo parlando di un'area che già da tempo l'Associazione ambientalista "Amici della Foce del Fiume Cesano" cerca di tutelare, indicandola, tra l'altro, quale luogo ottimale per la realizzazione di un orto botanico di essenze spontanee marine.

Le visite hanno riguardato, come al solito, anche il pioppeto della Bruciata e alcune aziende agricole che producono eccellenze alimentari e in una di queste (fattoria didattica di Conti in località Scapezzano), le scolaresche, hanno potuto trascorrere alcune ore dialogando con i proprietari dell'azienda, a contatto con l'ambiente rurale e gli animali di bassa corte.

Il "parco agro-fluviale del Cesano", individuato nel "Progetto Cesano" dagli Amici della Foce, si estende per circa 700 ettari sulla sponda destra del fiume, nel territorio del Comune di Senigallia (AN) e si coniuga perfettamente con l'altro importante areale che è rappresentato dalle "Terre di Frattula". Quest'ultima area comprende un vasto ambito territoriale che si estende in cinque comuni: Senigallia, Castel Colonna, Corinaldo, Ripe e Monterado.

Proseguendo verso l'interno si giunge nell'area archeologica di Suasa e salendo ancora per una ventina di chilometri si può arrivare alla sorgente del fiume Cesano, a Fonte Avellana, esattamente ai piedi del massiccio del Monte Catria.

Le visite delle scolaresche, quindi, offrono un interessante spunto a tante altre persone interessate a scoprire o rivisitare una delle bellissime valli del nostro territorio marchigiano, per la naturalezza ambientale, la cura del suolo da parte degli agricoltori, le eccellenze eno-gastronomiche delle fattorie, la storia (Suasa, la "selva di Montedoro", la "Foresta Fossile" di Monteporzio (PU), Santa Maria in Portuno a Corinaldo, ecc..).


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 maggio 2007 - 2074 letture