contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

L'appello agli elettori senigalliesi di Patrizia Casagrande per la Provincia

2' di lettura
2110
EV

Ormai prossima alla vigilia delle elezioni provinciali, la candidata senigalliese per la presidenza Patrizia Casagrande Esposto si rivolge direttamente ai suoi concittadini e spiega i punti "forti" del programma elettorale dalla coalizione di centro sinistra che la sostiene.

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it
Politiche per il lavoro, la casa, le infrastrutture, e ancora cultura e turismo. La Casagrande promuove un programma (sottoscritto da Rifondazione Comunista, Verdi, Sdi, Comunisti Italiani, Udeur, Repubblicani Europei e L'Ulivo) "largamente condiviso con i cittadini".

"Il programma con cui ci presentiamo agli elettori è stato ampiamente condiviso con i cittadini e preparato con il contriubuto di tutto il centro sinistra -afferma Patrizia Casagrande- dal punto di vista dell'istruzione e del lavoro, dico fin da ora che il nuovo assessorato non si chiamerà più formazione, pubblica istruzione e lavoro ma Sistemi formativi e lavoro. Questo perchè concepiamo le aziende come strutture in grado di produrre, creare occupazione e lavoro. In questa ottica è altrettanto vero che serve personale sempre più qualificato. In tema di lavoro, il nostro obiettivo è quello di combattere il precariato. I giovani vogliono avere garantite la previdenza e la casa non disdicendo incvece una certa mobilità nel corso nella propria vita lavorativa. Per questo incentiveremo le opportunità legate alle borse lavoro e garantiremo fondi per 30 mila euro a sostengno della casa".

Per le politiche ambientali, il centro sinistra annuncia interventi a favore del risparmio energetico e contro lo sfruttamento incondizionato del territorio. "La cultura e il turismo sono altre due risorse fondamentali di questa provincia -continua la Casagrande- chi viene da noi deve poter trovare musei come la Mole Vanvitelliana, il Pergolesi, la Fondazione Giacomelli messe in circuito. Per la destagionalizzazione Senigallia e Anconca offrono attrattive preziose come percorsi enogastronimici e strutture ricettive qualificate.

Anche il sistema delle infrastrutture deve essere al passo con i tempi. Oltre alla soddisfazione per la riqualificazione dell'arceviese, annunciamo l'avvio entro l'anno dei lavori per oltre 66 milioni di euro per il raddoppio delle statali 76 e 77. Si apriranno anche i cantieri per la terza corsi dell'A14 che a Senigallia vede anche la realizzazione delle bretelle complanari. Siamo favorevoli anche alla ricapitalizzazione dell'aeroporto di Falconara purchè la gestione sia sana, acuta e lungimirante. Il nostro primo obiettivo sarà anche la realizzazione dell'Intervaliva che va solo cantierata. Prossima tappa sarà poi il nuovo collegamento Corinaldo-Musone".


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 maggio 2007 - 2110 letture